Martedì, 21 Settembre 2021
Costume e società

Dialetto curioso: cosa combina chi si fa "bruxa i éuggi da-e çiòule di atri"?

La traduzione in italiano è "farsi bruciare gli occhi dalle cipolle degli altri"

In dialetto genovese esiste un modo di dire particolarmente curioso: "fase bruxa i éuggi da-e çiòule di atri", da usare come rimprovero ma anche come amara constatazione. Ma cosa significa?

La traduzione in italiano è "farsi bruciare gli occhi dalle cipolle degli altri". Secondo Giovanni Casaccia, autore del "Dizionario Genovese-Italiano", scritto nell'800, significa "pigliarsi o prendersi gli impicci del Rosso, vale pigliarsi briga o cura di ciò che non ci spetta". Insomma, preoccuparsi dei guai altrui, finendo magari anche per bruciarsi.

Ma a cosa è riferito il Rosso di cui parla Casaccia? Bisogna andare a scoprire un altro modo di dire: "Pigiase o ma do Rosso o cartà". Questa espressione avrebbe origini lontane: il Rosso era un cartolaio di Napoli condannato a morte, ma mentre veniva portato al patibolo si lamentò dicendo che la strada che stava percorrendo era dissestata e ne raccomandò la riparazione alle autorità per evitare che altri soffrissero come stava facendo lui. Insomma, una preoccupazione che, specie in quel momento, non doveva riguardare molto il povero Rosso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dialetto curioso: cosa combina chi si fa "bruxa i éuggi da-e çiòule di atri"?

GenovaToday è in caricamento