Dialetto curioso: 'miscio', storia di una parola che ha fatto il giro del mondo

Da dove deriva questo termine genovese?

C'è solo una parola in genovese che rende bene l'idea di quando si è senza soldi: "miscio".

Essere "misci" significa letteralmente essere squattrinati e non avere tanto denaro da spendere. Dunque niente da stupirsi se a Genova, alla domanda «Andiamo a mangiare fuori?» vi viene risposto «Sì, ma solo una pizza che non mi è arrivato ancora lo stipendio e sono 'miscio'».

Ma da dove arriva questa parola in dialetto, così diversa dall'italiano?

In realtà non c'è una spiegazione ufficiale o globalmente condivisa, ma l'ipotesi più accreditata vuole che la radice di questo termine possa arrivare dal latino "miscere", ovvero "mescolare", con riferimento ai vini economici e poco pregiati, quelli annacquati o comunque ottenuti mischiando diversi tipi di uva. Quell, insomma, adatti a chi non poteva permettersi di spendere troppo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La parola comunque ha fatto il giro del mondo soprattutto con le migrazioni da Genova verso l'America Latina: basti pensare che in alcuni paesi come Argentina e Cile, per riferirsi a una persona povera, si dice "misho".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

  • Evaso da Marassi, pericoloso latitante 'stanato' a Begato

  • Malore in strada, muore 70enne

Torna su
GenovaToday è in caricamento