rotate-mobile

Edgardo Genova

Giornalista GenovaToday

Allerte meteo continue e poi non piove, attenzione al rischio 'al lupo, al lupo'

Non si tratta di una sterile polemica, ma di una riflessione su un qualcosa che potrebbe diventare un problema nel momento in cui le persone iniziassero a prendere sotto gamba le allerte. Come insegna la morale della favola di Esopo, chi lancia allarmi immotivati, alla fine non viene più creduto

Ci sono comunicazioni che finiscono per diventare ricorrenti, trasformarsi in tormentoni, e come tali perdere l'iportanza che dovrebbero avere. C'è stata la Navebus, che un giorno sì e l'altro anche veniva sospesa "causa condizioni meteo marine". Poi il Comune ha deciso d'interrompere questo tipo d'informazione, vista l'ilarità che portava con sé.

Poi è arrivato il momento dei cinghiali. Ogni mattina basta aprire il canale Telegram del Comune di Genova per leggere una sfilza di segnalazioni di ungulati in strada. Risultato: ormai è la norma, ci si fa sempre meno caso. Ma l'argomento di cui vogliamo parlare è forse ancora più importante in quanto impattante su una fetta molto più ampia di popolazione: le allerte meteo.

Con tutto il rispetto possibile verso chi lavora per Arpal, ultimamente si sta rischiando di sfiorare il surreale, con allerte continue e piogge che poi non arrivano, oppure lo fanno, ma riversando al suolo solo poche gocce. No, no, fermi, non è vero che se le allerte non vengono date, ci lamentiamo, e se vengono date, abbiamo lo stesso da ridire. Non è così.

La vita dei genovesi non sarà stravolta. Ma qualche disagio c'è. Se poi qualcuno fosse così ligio da seguire per filo e per segno le disposizioni del Centro operativo comunale (Coc), finirebbe per predisporre paratie, porre al sicuro i propri veicoli, limitare gli spostamenti e tenersi aggiornati sull'evolversi della situazione, per niente.

Non si tratta di una sterile polemica, ma di una riflessione su un qualcosa che potrebbe diventare un problema nel momento in cui le persone iniziassero a prendere sotto gamba le allerte. Come insegna la morale della favola 'Al lupo al lupo' di Esopo, conosciuta anche come 'Lo scherzo del pastore': chi lancia allarmi immotivati, alla fine non viene più creduto.

Certo dopo quello che è capitato durante l'amministrazione Vincenzi, si cerca di non trovarsi di nuovo in situazioni del genere. Però forse è controproducente diramare allerte continue: il centauro abituato a muoversi su due ruote, magari deciderà di correre il rischio di prendere la moto lo stesso anche se c'è allerta, "tanto l'ultima volta non è nemmeno piovuto". La casalinga lascerà il bucato steso e chi ha parcheggiato l'auto vicino a un corso d'acqua non la sposterà.

A ognuno il suo mestiere, e quindi un metereologo sarà certo più competente in materia di un giornalista. Da parte nostra ci limitiamo a invitare a una riflessione, visto che l'autunno è alle porte e probabilmente, come capitato in passato, una perturbazione importante arriverà, dunque speriamo che le persone prestino la dovuta attenzione e gli enti preposti continuino a essere credibili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Allerte meteo continue e poi non piove, attenzione al rischio 'al lupo, al lupo'

GenovaToday è in caricamento