Piazza Banchi e il delitto di Alessandro Stradella, musicista "donnaiolo"

Nel '600 proprio nella piazza del centro storico genovese venne ucciso Alessandro Stradella, "colpevole" di aver dato lezioni di musica e sedotto numerose nobili donzelle

Tra le tante curiosità nascoste tra i vicoli di Genova, c'è quella della storia dell'omicidio del musicista Alessandro Stradella.

Stradella, vissuto nel '600, è stato un famoso compositore e cantante di epoca barocca. Ma non solo, si trattava anche di un "Don Giovanni" incallito, e le sue relazioni lo misero spesso in pericolo, fino a causare addirittura la sua morte.

Andiamo per gradi: il musicista si trasferì da Venezia proprio perché, nella capitale veneta, aveva dato lezioni di musica e poi sedotto la nobile Ortensia Grimani. Peccato che la giovane fosse già promessa a un altro nobiluomo, Alvise Contarini. Nel frattempo Stradella convinse Ortensia a seguirlo a Roma e poi a Torino, ma nella città sabauda venne ferito gravemente da alcuni sicari del fidanzato della giovane.

Lasciata Ortensia, il compositore si trasferì a Genova, dove riprese a dare lezioni di musica soprattutto a nobili donne che venivano regolarmente sedotte. Tra queste, una giovane appartenente alla famiglia dei Lomellini, all'epoca all'apice della gloria. 

Si poteva lasciar correre? Naturalmente no: e furono proprio i Lomellini a organizzare un agguato, pagando un sicario che raggiunse Stradella in piazza Banchi, il 25 febbraio 1682, e lo pugnalò a morte. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Schianto in via Cadighiara, Luca non ce l'ha fatta: donati gli organi

  • Accensione riscaldamento 2019: quando si azionano i termosifoni a Genova

  • I migliori eventi del weekend a Genova e dintorni: Rolli Days, Giornate FAI, Columbus Day, Notte Bianca dei Bambini, sagre e tanto altro

  • Morta dopo caduta sul bus, chiesto processo per autista e automobilista

  • Staglieno, si rompe un tubo dell'acqua: strada chiusa e traffico in tilt

Torna su
GenovaToday è in caricamento