Ladro arrestato a giugno, due mesi dopo torna in carcere

Ervis Sefa, ventiduenne di nazionalità albanese, torna in carcere perché ritenuto responsabile di un altro furto, avvenuto in via Stassano a Pra'. Il giovane, arrestato a metà giugno, era già a piede libero

A metà dello scorso giugno era stato arrestato insieme ad altri tre connazionali, ritenuti responsabili di diversi furti in abitazione. Ieri mattina la polizia ha eseguito il provvedimento emanato dal gip di Genova con il quale è stata disposta la custodia cautelare in carcere nei confronti di Ervis Sefa, ventiduenne di nazionalità albanese, con precedenti di polizia e irregolare sul territorio dello Stato.

Il giovane, nonostante sia stato arrestato solo due mesi fa, era libero perché non sottoposto nemmeno agli arresti domiciliari. Gli agenti della Squadra Mobile, nell'ambito di un'attività d'indagine denominata Revolving doors, coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova, hanno raccolto consistenti elementi di reità a carico dello straniero in relazione a un furto in abitazione commesso in via Stassano a Pra'.

Si tratta del quarto ladro di appartamento arrestato nell'ultima settimana da parte della polizia di Genova.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sestri: aperta la passerella, nuovo bus per l'aeroporto

  • Economia

    Classifica efficienza dei Comuni italiani, Genova arranca

  • Cronaca

    Centri storico, maxi blitz dei carabinieri contro lo spaccio: 6 arresti

  • Cronaca

    Morandi, prove di demolizione con esplosivo nella cava di Camaldoli

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Schianto in moto a Rivarolo, muore 25enne

  • Costa Crociere assume, 300 posti disponibili a bordo: come partecipare alle selezioni

  • Genoa: incubo retrocessione, tutti i calcoli per la salvezza

  • «Eroe, ci mancherai»: domani i funerali di Andrea. A Marassi serrande abbassate

  • Incidente a Genova Est, cinque feriti

Torna su
GenovaToday è in caricamento