Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Cinquant'anni dal naufragio della London Valour, Genova la ricorda con le sirene in porto

 

A cinquant’anni dal naufragio della London Valour, Genova ricorda le vittime della nave inglese colata a picco davanti alla diga foranea suonando le sirene in porto.

La manifestazione era inizialmente prevista come pubblica, ma l’emergenza coronavirus ha costretto gli uomini della Capitaneria di Porto ad annullarla. Al posto della commemorazione, è stata issata sui pennoni la bandiera della Marina Mercantile britannica, e poco dopo le 14 in tutta la città si è sentito distintamente il suono delle sirene.

La tragedia del 9 aprile 1970 causò 20 morti e 14 feriti. Il naufragio del mercantile inglese fu una delle peggiori tragedie della marineria genovese: nel pomeriggio del 9 aprile 1970 il vento si alzò bruscamente da 28 a 45 nodi, e la nave della compagnia London & Overseas Freighters, ancorata davanti alla diga Duca di Galliera, non riuscì ad avviare i motori come altre quattro navi in rada. La London Valour, trascinata dalla forza delle onde, andrò a infrangersi contro la diga foranea: massiccio il dispiegamento di forze per salvare i superstiti, con Capitaneria di porto, Piloti, Guardia di Finanza, Ormeggiatori e Rimorchiatori che si lanciarono in mare e e salvarono 38 persone.

La Capitaneria di Porto di Genova ha ricordato in una nota "l'eroica azione dei soccorritori", tra i quali il capitano dei vigili del fuoco Rinaldo Enrico, che con l'elicottero sfidò il vento al limite, e gli equipaggi della motovedetta del comandante Giuseppe Telmon e della pilotina Tetin del pilota Aldo Baffo. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento