Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anniversario crollo ponte Morandi, voci della tragedia: «Abbiamo seguito le urla sotto le macerie». Video

 

I ricordi sono ancora vivi nella mente e nella voce commossa del Carabiniere Scelto Giovanni Peditto, che era presente in Valpolcevera fin dai primi minuti dopo il crollo del ponte Morandi, e che il 14 agosto 2019 si trovava alla commemorazione delle vittime.

«Siamo giunti subito nei pressi di quel che rimaneva del ponte, purtroppo la zona del crollo era molto vasta e difficile da raggiungere - racconta -. Abbiamo concentrato le ricerche nei punti in cui c'erano meno soccorritori, recandoci verso quel che rimaneva della pila 9. Abbiamo iniziato a chiedere se c'era qualcuno, e abbiamo sentito delle urla provenienti dalla zona alta dei resti. Ci siamo addentrati come potevamo, e abbiamo notato che le urla venivano da un mezzo bianco, c'era un ragazzo che chiamava aiuto. Sono rimasto sul posto a dare un supporto psicologico, mentre il collega è andato a chiamare d'urgenza i Vigili del Fuoco. Poi abbiamo saputo che quella persona era stata fortunatamente tratta in salvo e adesso sta bene».

Il ricordo di aver salvato una vita addolcisce le terribili immagini che affiorano alla mente: «La situazione era drammatica, le persone da aiutare ahimé erano poche perché il numero delle vittime era alto - continua Peditto - abbiamo fatto quello che potevamo a mani nude, tra la tempesta, fughe di gas, era una situazione davvero difficile».

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento