Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | "Ténpi Bèlli", la poesia in genovese di Marco Rinaldi che ha commosso il web

 

Parte con l'amato e odiato mugugno genovese che sa trasformarsi in ironia e risata, e poi in riflessione, la poesia "Ténpi Bèlli", scritta e recitata dall'attore e comico Marco Rinaldi.

A parlare è un uomo in coda da mezz'ora per poter entrare nel supermercato: ha la mascherina fabbricata dalla moglie usando gli elastici delle mutande, e a pochi metri c'è il vicino di casa che si è messo addosso il sacco della rumenta. Per proteggersi, che non si sa mai: ci si arrangia come si può, non senza un lato "grottesco" che diventa comico.

Eppure «a dila tùtta me verghéugno 'n po» pensando a chi ha la febbre, a chi sta male, a chi lotta per poter tornare in piedi presto, e a chi non ce l'ha fatta a tornare a casa. E che titolo ha per lamentarsi, chi deve "solo" rimanere in casa per salvarsi, rispetto a chi lavora in ospedale? La mente del protagonista vola agli amici medici e infermieri, sempre pronti a rischiare la vita per aiutare gli altri. E dunque «dovemmo solo sta tranquìlli e spera che tornian fito i ténpi bèlli». Stiamo tranquilli, dunque, e speriamo che tornino presto i tempi belli.

La poesia ha fatto il giro del web commuovendo molti utenti, in un video pubblicato su YouTube, ed è dedicata a chi combatte in prima linea e a chi resiste, ed è stata scritta in collaborazione con Franco Bampi. «La cosa bella, oltre le tante visualizzazioni - dice Rinaldi - è l'affetto ricevuto e i tanti messaggi di medici e infermieri che mi ringraziano».

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento