VIDEO | Ambulanze in coda al Galliera, i sindacati: "Situazione catastrofica, personale allo stremo"

Ambulanze in attesa fuori dall'ospedale Galliera, bloccate per ore in attesa di avere indietro la barella in dotazione e poter così riprendere servizio, personale dell'istituto stremato e situazione fuori controllo. Sono giornate impegnative per la sanità a Genova, dove i pazienti - stando alle testimonianze arrivate a GenovaToday - rimangono per ore bloccati sulle barelle perché nel pronto soccorso non ci sono posti letto. Tutto succede proprio in quell'ospedale dove, a novembre, i dipendenti hanno organizzato uno sciopero con corteo per denunciare le loro condizioni di lavoro, e ora diversi volontari di pubbliche assistenze si domandano perché il 118 continua a mandare ambulanze al Galliera anziché dirottarle in altri nosocomi, anche fuori Genova.

Sul caso è intervenuta la Uil Fpl: "Nonostante il servizio di emergenza dell'ospedale Galliera sia attualmente identificato come hub Covid, con conseguente riduzione di posti letto (208 circa) - commenta Marco Vannucci, segretario generale Uil Fpl Genova - la gestione attuale non sembra tenerne conto, continuando a dirottare le ambulanze da ogni parte della città con destinazione pronto soccorso dell’ospedale di Carignano, tanto che il piazzale davanti diventa un posteggio, con un numero di pazienti in visita spropositato rispetto alle dimensioni e alla logistica. La conseguenza è che il personale del Pronto Soccorso del Galliera, costretto ad un carico di lavoro insopportabile e con un aumento del rischio professionale spropositato, non riesce più a smaltire l'afflusso di pazienti che necessariamente sono costretti a passare 36/48 ore o forse più su una barella in attesa di un posto letto che non c'è, come testimoniano le tantissime denunce della problematica che giungono a noi e alla carta stampata con cadenza ormai quotidiana. Dalle notizie di questa mattina, l'assessore Gratarola, confermava la riduzione della pressione sui Pronto Soccorso: purtroppo basta farsi un giro nel PS del Galliera per capire che le cose non stanno proprio così. Non comprendiamo assolutamente con quale criterio vengano destinate le ambulanze, e a questo punto sorge spontaneo un dubbio. Prosegue il tiro al bersaglio sull'ospedale e di conseguenza il nostro scontro con una politica ormai nota che ci ha visto prima dichiarare lo Stato di Agitazione, con i conseguenti incontri con amministrazione, prefettura e Regione Liguria, poi indire un'assemblea permanente del Personale e, in ultimo dichiarare uno sciopero che ha visto una partecipazione record, con più di 60 lavoratori precettati".

"Ma evidentemente - prosegue Vannucci - politica ed amministrazioni hanno la memoria corta e noi continuiamo a chiederci quale sia il ruolo che questa giunta vuole per il Galliera nella sanità genovese. Nel frattempo, a rimetterci e a rischiare sono sempre operatori e pazienti. È necessario che il problema venga affrontato con urgenza: il personale, a cui va tutta la nostra vicinanza, è allo stremo e i pazienti hanno diritto ad un'assistenza adeguata".

Video popolari

GenovaToday è in caricamento