Mercoledì, 23 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Giornata Mondiale del Gioco: il flash mob a Genova con un girotondo colorato

Numerose le famiglie che hanno accolto l’invito della cooperativa Mignanego, incontrandosi al parco di Villa Gruber

Giochi, musica, e poi un bel girotondo immersi nel verde, grandi e piccini, con tanti nastri colorati per celebrare, anche a Genova, la Giornata Mondiale del Gioco.

Anche nella Superba si è svolto il flash mob che ha avuto luogo in 9 città italiane, promosso dalla la rete nazionale del progetto Ip Ip Urrà – Infanzia Prima, selezionato dall’impresa sociale Con i bambini nell’ambito del fondo di contrasto alla povertà educativa. L'obiettivo? Rimettere al centro il diritto al gioco e al tempo libero in una fascia d’età provata dalla pandemia e dal lockdown.

Numerose le famiglie che hanno accolto l’invito della cooperativa Mignanego, partner genovese del progetto con l’equipe del nido d’infanzia Vico Rosa, e si sono incontrate al parco cittadino di Villa Gruber. Per l'occasione, letture, giochi, canti e poi il grande girotondo tutti insieme.

«Il gioco è uno dei diritti fondamentali dei bambini, insieme al diritto al tempo libero. Entrambi oggi sono decisamente a rischio e compromessi, soprattutto a causa della pandemia. Poter giocare è necessario per lo sviluppo di ogni bambina e bambino, significa imparare a comprendere come funziona il mondo, a relazionarsi con gli altri, a sperimentare le proprie capacità, a trovare soluzioni creative per le difficoltà che si incontrano; ma significa anche poter avere luoghi curati, adeguati e sicuri in cui trascorrere del tempo»: questo il commento di Barbara Pierro, presidente dell’Associazione Chi Rom e chi no di Scampia, capofila del progetto.

L’iniziativa si è svolta contemporaneamente anche a Bergamo, Firenze, Lecce, Messina, Moncalieri, Napoli, Pioltello e Roma. 

I partner del progetto Ip Ip Urrà che ha promosso la manifestazione sono: Cooperativa Sociale Il Cantiere (Albino, Valle Seriana), Coop L'Abbaino, Consorzio Mestieri Toscana (Firenze), Coop. Soc. Mignanego (Genova), Comunità progetto Sud (Lamezia Terme), Ass. Fermenti lattici (Lecce), EcoS-Med coop. soc. (Messina), La Kumpania (Napoli) Libera Compagnia di Arti & Mestieri Sociali (Pioltello), Associazione 21 luglio (Roma), Coop. Soc. Educazione Progetto (Torino), Fondazione Zancan, Università Federico II centro Sinapsi e tante scuole sparse lungo lo stivale.

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione Con il Sud.

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Giornata Mondiale del Gioco: il flash mob a Genova con un girotondo colorato

GenovaToday è in caricamento