Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Ancora assembramenti in città, la denuncia di Fridays for Future Genova

 

Ancora assembramenti in città, nonostante i divieti e le regole: la denuncia questa volta arriva da Fridays for Future Genova, che «ha deciso di ascoltare l’appello di questa parte di cittadinanza in nome delle direttive da parte della comunità scientifica in tema sanitario. È questa infatti per noi una occasione per ribadire il nostro impegno a dar voce alla scienza in ogni contesto, anche al di fuori di quello ambientale. Denunciamo quindi ogni forma di assembramento in ogni parte d'Italia e non giustificata da esigenze strettamente emergenziali, di lavoro o straordinarie».

I ragazzi di Fridays for Future Genova diffondono e puntano il dito anche su un video in cui si vedono alcune persone radunate accanto a una panchina per scambiarsi quattro chiacchiere in libertà, come se nulla fosse. «In tutta Italia l’imperativo comune è resistere. Resistere ad un nemico invisibile che miete stragi costringendo studenti e lavoratori a rinunciare all’istruzione e alla possibilità di prendersi cura dei propri cari. Resistere alla tentazione di andare a trovare i propri anziani e, nei casi peggiori, di salutarli per l’ultima volta. Eppure in tutto questo, per alcune persone l’insegnamento drammatico che questa emergenza ci ha portato non è bastato. Ecco allora che vien meno, da una parte la volontà di fare uno sforzo collettivo per rallentare il contagio e, dall’altra, quel senso di unione ed empatia tipico di questi giorni. Ecco allora che a Genova si vedono ancora persone incuranti del proprio e dell’altrui benessere che si incontrano come se nulla fosse, non mossi da una reale esigenza, ma per fare quattro chiacchiere quotidianamente tra amici. È questo ciò che succede ogni giorno a Genova, ad esempio in via Corsica, e che non è mai stato preso in considerazione dagli organi preposti ad evitare assembramenti fino a ieri, quando la cittadinanza esasperata dalla continua noncuranza dei soggetti in questione ed in risposta ai troppi appelli non ascoltati, ha infine deciso di scrivere ai ragazzi di Fridays for Future Genova per avere supporto, ottenendo infine che i responsabili venissero sanzionati».

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento