Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Centro storico, dieci minuti di “casino” contro spaccio e degrado

Residenti alle finestre con pentole, coperchi, mestoli, tamburi e fischietti per protestare contro la situazione in cui versano i vicoli

 

Da piazza Fossatello a vico Indoratori, da via del Campo a Canneto: gli abitanti del centro storico si sono affacciati alle finestre, lunedì sera, e per dieci minuti si sono fatti sentire nel modo più rumoroso possibile, nel tentativo di attirare l’attenzione sulla situazione ormai insostenibile in cui è precipitato chi abita nei vicoli.

L’appuntamento per il "rumore civico" era dalle 20 alle 20.10, una protesta simbolica all’insegna del fracasso organizzata dal comitato di via Del Campo: pentole, coperchi, fischietti, mestoli, trombette e qualsiasi altro strumento utile a “fare casino”. Perché per i residenti del centro storico, ormai esasperati e disillusi, il rumore è diventato l’unico modo per farsi sentire dopo decine di appelli, richieste, incontri e confronti che si scontrano, inevitabilmente, contro la realtà dei caruggi.

Spaccio senza controllo, degrado e violenza sono gli aspetti più gravi della vita di chi popola il centro storico, vivendoci e lavorandoci. L’allarme arriva da via San Luca, da Pré, dalla Maddalena, da Fossatello, e a lanciarlo è chi alla fine i vicoli li ama talmente tanto da restarci nonostante le immense difficoltà di vivibilità e sicurezza.

Al di là degli episodi isolati - gli ultimi nel weekend, due accoltellamenti tra Matteotti e Caricamento - per gli abitanti del centro storico pare essersi abbassata la percezione della sicurezza, come confermato da piangere voci. E anche se le forze dell’ordine sono una presenza fissa nei vicoli, impegnate in controlli e blitz, la situazione dopo il lockdown sembra ormai essere finita fuori controllo, e la sensazione di abbandono provata dai residenti è sfociata in frustrazione. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento