Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Casa Surace, nonna Rosetta 'telefona' a Toti: «Gli anziani non sono produttivi? E chi te l'ha detto?»

Il video lunedì pomeriggio aveva collezionato più di 13mila condivisioni

 

Dopo la gaffe social del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti sugli anziani, il web si è scatenato. E non è mancata la reazione di Casa Surace, la pagina Facebook e casa di produzione nata nel 2015 e ideata da un gruppo di amici e coinquilini, specializzata in video ironici soprattutto sulle differenze tra nord e sud Italia.

Particolarmente famoso, il personaggio di nonna Rosetta, che per l'occasione ha telefonato (per finta) a Toti: «Totino - dice con aria di affettuoso rimprovero, come se parlasse a un nipote - non mi chiami mai per dirmi le cose, le devo venire a sapere dagli altri. Che è 'sto fatto che gli anziani non sono produttivi? Chi te l'ha detta 'sta cosa? Ma poi non si dice, è maleducazione, se non la conosci una persona come fai a dire che non è produttiva? Mica conta l'età, che ci azzecca. Se sei giovane, adulto o anziano, tu prima devi conoscerlo, e poi dici che non è produttivo. Per esempio nonno Andrea fa 500 litri di vino all'anno, non è produzione quella? Che poi non lo beve nessuno perché non lo sa fare: e quella è condivisione. E la condivisione è produttività [...]. E quando tornano a casa figli e nipoti trovano cucinato, mangiano, sono contenti, e quando uno è contento produce di più».

E poi: «Toti fai una cosa 'a nonna, io lo so che gli anziani sono una categoria difficile, però anche noi produciamo, produciamo ricordi, racconti, abbracci, distribuiamo amore, caramelle, e le persone se si sentono amate producono di più, hai capito?». 

Per concludere, una battuta sul pesto e sui nipoti che, per le nonne, saranno sempre "sciupati": «Le nonne là che fanno? [...] Il pesto? Fate pesto, fai pesto, e cancella quel commento! Presto, pesto, pesto presto. Ti saluto, e mangia che ti ho visto sciupato».

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento