Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anniversario ponte Morandi, le famiglie delle vittime: «Per i nostri cari condanna a morte senza appello, vogliamo giustizia». Video

 

«Abbiamo perso un pezzo del nostro cuore che non potrà mai più esserci restituito»: inizia così il commovente discorso di Egle Possetti in rappresentanza dei familiari delle vittime del ponte Morandi, un anno dopo la tragedia.

Possetti (la cui sorella, Claudia, è morta con il marito Andrea Vattuone e i figli Manuele e Camilla nel crollo del ponte) ha parlato sul palco della cerimonia commemorativa. Parole potenti, forti, pronunciate con una decisione e una fermezza straordinarie, indirizzate alla cittadinanza e alle istituzioni: «Stiamo sopravvivendo da un anno, vorremmo provare a vivere nuovamente ma è come una montagna infinita da scalare. Non possiamo pensare di non abbracciarli più, di non rivedere più i loro sorrisi, ma per la loro memoria dobbiamo avere grande determinazione nella ricerca della verità. Quanto è accaduto è inaccettabile, quella delle 43 vittime è stata una condanna a morte senza possibilità di appello».

«Chiediamo ai nostri rappresentanti qui intervenuti numerosi - continua Possetti nel suo discorso - un segnale concreto affinché i cittadini possano sentirsi tutelati. I nostri rappresentanti devono gestire con la massima attenzione l'affidamento dei beni pubblici, al contempo dovrà essere potenziata la vigilanza. I beni demaniali sono costruiti con il sudore dei cittadini onesti e non possiamo permetterci che siano loro stessi la causa della morte di persone innocenti. Chiediamo ai cittadini che hanno partecipato al nostro dolore di essere vigili e attenti sempre, di mantenere viva la coscienza civile per stimolare azioni concrete della classe politica. Nel nostro Paese la parola principale dovrà essere "prevenzione": non vogliamo che altre famiglie debbano piangere i loro morti per qualche altra strage assurda».

Leggi l'articolo sulla commemorazione del 14 agosto 2019

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento