menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fatture per operazioni inesistenti, guai per patron Ferrero

Il presidente della Sampdoria ha patteggiato quattro mesi di squalifica. Avrebbe versato 1.159.000 euro dalle casse della Samp a una delle sue società per operazioni inesistenti relative al centro sportivo Gloriano Mugnaini di Bogliasco

Alla vigilia del derby Genoa-Sampdoria, questa mattina sul sito della Federazione Italiana Giuoco Calcio è uscito un comunicato relativo al presidente dei blucerchiati Massimo Ferrero, che è stato squalificato per 4 mesi per irregolarità sui pagamenti dei lavori di ristrutturazione del Mugnaini, a Bogliasco.

Stessa sorte è toccata alla figlia del presidente, Vanessa, che faceva parte del consiglio di amministrazione della Sampdoria. A Ferrero viene contestato di «aver, in concorso con Ferrero Vanessa e con soggetti non appartenenti all'Ordinamento federale, corrisposto alla società Vici srl, riconducibile al 'Gruppo Ferrero' e di cui era Amministratore Unico la Sig.ra Vanessa Ferrero, la somma complessiva di euro 1.159.000, a fronte di fatture per operazioni inesistenti, emesse per la presunta pianificazione e realizzazione del centro sportivo “Gloriano Mugnaini” sito in Bogliasco, mai realizzate dalla Vici Srl, così distraendo le corrispondenti risorse dall'utilizzo nell'interesse della U.C. Sampdoria S.p.A. e violando, tra l'altro, il principio della corretta gestione cui le società di calcio sono assoggettate».

«Utilizzando altresì le somme suddette - prosegue il comunicato - per soddisfare interessi personali riconducibili a società del 'Gruppo Ferrero', del tutto avulsi da quelli della U.C. Sampdoria S.p.A.; nonché per aver indicato nella dichiarazione annuale ai fini Iva, relativa all'anno 2015, elementi passivi fittizi per l'importo di euro 1.159.000 comprensivo di Iva pari a euro 209.000, con ciò determinando nel bilancio e nella relazione semestrale degli anni 2015 e 2016 della U.C. Sampdoria S.p.A. l'esposizione di valori contabili in difformità della normativa civilistica, dei principi contabili emanati dall'Organismo Italiano di Contabilità e delle Raccomandazioni contabili F.I.G.C.».

Coinvolta per responsabilità oggettiva anche la Sampdoria, «in quanto società alla quale appartenevano i soggetti avvisati al momento della commissione dei fatti e, comunque, nei cui confronti o nel cui interesse era espletata l'attività sopra contestata». La società dovrà pagare entro trenta giorni 15mila euro di ammenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento