menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sampdoria-Catania si gioca lo stesso: le reazioni dei tifosi doriani fuori e dentro lo stadio

Dal minuto di silenzio 'assordante' agli striscioni esposti all'esterno del Ferraris e in Gradinata Sud. Ecco come hanno affrontato la partita i tifosi doriani in una giornata drammatica per la città di Genova

In una Genova triste e ferita dalla tragedia avvenuta nella notte all’interno del porto, va comunque in scena il match valido per la terz’ultima giornata di campionato tra Sampdoria e Catania.

La voglia di gioire per un gol, la rabbia per una sconfitta, la voglia di cantare e tifare passano in secondo piano di fronte al terribile incidente di Molo Giano che ha colpito al cuore l’intera città.

Il clima fuori e dentro lo stadio è surreale e silenzioso, negli occhi di tutti un sincero dispiacere e tanto rispetto per queste inspiegabili morti.

La volontà di tutti, tifosi e società, era quella di rinviare la gara. Tutti tranne la Lega Calcio, che ha disposto di giocare comunque la partita, spiegando le proprie ragioni tramite un comunicato stampa: La Lega Serie A esprime profonda solidarietà e vicinanza alle famiglie delle vittime della tragedia verificatasi ieri sera al Porto di Genova. D'intesa con le due Società liguri, che scenderanno in campo con il lutto al braccio, è stato deciso che il minuto di raccoglimento già disposto prima delle partite Sampdoria-Catania e Torino-Genoa sia osservato anche per onorare la memoria delle persone che hanno perso la vita nel grave incidente.

Le reazioni dei tifosi doriani non si sono fatte attendere: i gruppi Ultras hanno deciso di non esporre i consueti striscioni né sventolare bandiere in segno di rispetto.

Gli unici due vessilli esposti recitano: 'Genova piange le vittime del Porto' e 'Cordoglio per le vittime del porto'.

Prima della partita un gruppo di portuali ha effettuato un giro di campo e mostrato lo striscione 'Basta morti sul lavoro, vicini alle famiglie'

Un solo stendardo, significativo, è stato esposto anche fuori dallo stadio in prossimità della Gradinata Sud dal gruppo Fieri Fossato: 'Il rispetto del dolore vale più di una partita'. La protesta è durata anche durante lo svolgimento della gara.

Le emozioni fuori dallo stadio sono contrastanti. tante le domande che non trovano risposta: «E’ stato possibile rinviare in poche ore la gara con l’Inter, come è possibile non rinviare anche questa?», «Spostano le partite per il Giro d’Italia e per gli Internazionali di tennis e non possono spostarne una per un gravissimo lutto, una giornata difficile per tutta la città?», «Dove è il rispetto per Genova e per i morti?» sono solo alcune delle domande che si pongono i tifosi fuori dal Luigi Ferraris

Altri invece preferiscono sorvolare: «Non è il momento di fare polemiche, pensiamo ad onorare le vittime e restiamo uniti».

Il minuto di silenzio osservato prima del fischio di inizio a Marassi è assordante, i tifosi assistono alla partita da seduti senza intonare cori.

Da ricordare che l'intero incasso di Samp-Catania verrà devoluto in beneficenza alle famiglie delle vittime portuali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento