rotate-mobile
Sampdoria

Sampdoria, Rossi: «Contro il Milan confermato il modulo 3-5-2»

L'allenatore blucerchiato parla a 360 sulla prossima partita di campionato contro il Milan, sulle situazioni di Icardi e Palombo e sul mercato di gennaio

Dopo la vittoria contro la Juventus, la Sampdoria ha davanti a sè un'altra sfida difficile: quella contro il Milan di Allegri, in programma domenica sera alle 20.45 allo stadio Ferraris.

La vittoria contro i bianconeri ha regalato all'ambiente blucerchiato un certo ottimismo, ma mister Delio Rossi tiene alta la guardia: «Se pensiamo di aver battuto la Juventus a Torino e quindi sarà facile battere il Milan a Marassi facciamo un errore imperdonabile. Siamo in una posizione di classifica in cui non possiamo permettercelo».

Il mister dice la sua anche sui prossimi avversari: «Non credo che il Milan sarà stanco (dopo la partita in Coppa Italia persa ai supplementari contro la Juventus), perché è una squadra abituata a scendere in campo ogni tre giorni: non è una questione fisica, bensì mentale e loro sono storicamente abituati a giocare gare infrasettimanali».

Rossi si sofferma anche sui singoli, tra cui Mauro Icardi, al centro di numerose voci di mercato: «Non penso che si sia montato la testa, mi sembra molto sereno, aveva già fatto bene nel derby e credo che abbia la testa per lavorare bene. Non andrà via a gennaio, ho solo due punte, semmai il problema è contrario: non far partire nessuno ed integrare. Sul contratto non devo parlarne io, io rispondo solo per questioni di campo».

Il mister riserva qualche parola anche ad Angelo Palombo , tornato titolare dopo quasi un anno: «Quando si sta fuori per molto tempo bisogna ritrovare prima le sensazioni da giocatore. Il centrale di difesa non è il suo ruolo specifico, però ha dimostrato che lo può fare, perché ha grande esperienza. Ovviamente so benissimo che è un centrocampista, però al momento credo che possa darci una mano in quella posizione. Non sono abituato a ragionare con i se e con i ma, quindi quando arriverà un difensore centrale mi porrò il problema di ricollocare Palombo, prima no»

Infine il mister dice la sua anche sul mercato: «Il mercato di gennaio è difficile: servirà integrare la rosa, renderla più omogenea. Anche perché in questo momento non è facile andare a reperire elementi importanti: o prendi riserve di altre squadre o giocatori stranieri che impiegano almeno tre mesi per imparare la lingua e per capire la mentalità del calcio italiano».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sampdoria, Rossi: «Contro il Milan confermato il modulo 3-5-2»

GenovaToday è in caricamento