menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Catania Sampdoria 3-1 | Difesa blucerchiata colabrodo, vincono gli etnei

La squadra di Ferrara passa in vantaggio nel primo tempo grazie a un rigore di Maresca, per poi scioglersi nella ripresa alla prima difficoltà. Per il Catania gol di Paglialunga, Bergessio e Castro

Seconda sconfitta consecutiva per la Sampdoria, che viene travolta dalla voglia di vincere del Catania e capitola ai gol di Paglialunga, Bergessio e Castro. I blucerchiati hanno mostrato gravi lacune nel reparto difensivo e i soliti problemi di carattere riemergono inesorabilmente. Con questa vittoria il Catania sale a quota 25 punti, la Samp rimane a 17. Guarda il video.

CRONACA DEL MATCH La Samp inizia male la partita: troppi i passaggi sbagliati, poche le idee. I padroni di casa mostrano bel gioco grazie alla velocità degli attaccanti e al pressing del centrocampo che non ha permesso a Poli e compagni di ragionare e impostare azioni pericolose. Gli etnei arrivano sottoporta più facilmente del Doria senza impensierire la porta difesa da Romero: il portiere doriano rischia però in un'occasione quando esce fuoritempo su un cross di Lodi e permette a Bergessio di calciare da posizione ravvicinata.

Alla mezz'ora la Samp si sveglia: lancio lungo verso Icardi che sfrutta l'indecisione della difesa catanese, salta due uomini e poi viene steso in area: Giacomelli concede il calcio di rigore, trasformato poco dopo da Maresca. Dopo il gol del vantaggio, la Samp, pur non imponendo il suo gioco, riesca a controllare fino alla fine del primo tempo sfiorando il raddoppio in due occasioni con Icardi. Nel frattempo però Ferrara perde Maresca, che viene sostituito da Eder: chiara la scelta del tecnico doriano, che vuole mantenere alto il baricentro della squadra. Mossa

Nella ripresa la Samp non regge l'urto del Catania e al 55esimo Paglialunga trova il pareggio con un tiro preciso di esterno che bacia il palo e batte Romero: nell'occasione la difesa blucerchiata appare troppo statica sulla torre di testa di Bergessio. Lo stadio aiuta la spinta degli etnei e poco dopo la squadra di Maran va ancora in rete: azione sulla sinistra, Mustafi stramazza al suolo da solo (infortunato e poi poco dopo sostituito) e libera la corsia e Marchese, che mette in mezzo per Bergessio che segna la rete del 2-1( errore in marcatura di Costa).

A questo punto a nulla serve l'inserimento di Pozzi: la Samp appare sulle gambe e senza piglio e pur mantenendo in alcune occasioni il possesso palla non riesce mai a verticalizzare e impensierire la difesa sul Catania, e nel finale Rossini, stanco e svuotato, buca il controllo in area di rigore e regala il 3-1 a Castro

TABELLINO

CATANIA (4-3-3): Andujar; Alvarez, Bellusci, Legrottaglie, Marchese; Izco, Lodi, Salifu (14' pt Paglialunga); Barrientos, Bergessio, Castro (47' st Capuano). A disp: Frison, Messina, Potenza, Rolin, Spolli, Augustyn, Ricchiuti, Keko, Morimoto, Doukara. All: Maran.

SAMPDORIA (4-5-1): Romero; Mustafi (24' st Castellini), Rossini, Costa, Berardi; Krsticic, Maresca (39' pt Eder), Obiang, Tissone, Poli (36' st Pozzi); Icardi. A disposizione: Da Costa, Berni, De Silvestri, Poulsen, Renan, Soriano, Estigarribia. All: Ferrara.

MARCATORI: 29' pt rig. Maresca (S), 10' st Paglialunga (C), 20' st Bergessio (C), 45' st Castro (C).

ammoniti: Salifu, Legrottaglie, Bellusci, Eder, Tissone

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento