menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sampdoria, Delio Rossi: «Non facciamo calcoli, dobbiamo rimanere concentrati»

Dopo il pareggio contro l'Atalanta, il mister tiene alta la guardia in vista della sfida contro l'Inter in programma ercoledì alle 18.30 al Ferraris

La Sampdoria torna da Bergamo con un punto prezioso che muove la classifica e avvicina sempre di più i blucerchiati alla salvezza.

La consapelvolezza è quella di aver giocato un match sottotono, ma nel finale poteva anche starci il colpaccio con le due occasioni mancate da Icardi: «Il pari rispecchia l'andamento della gara - analizza il mister Delio Rossi sul sito ufficiale della squadra. Nel primo tempo l'Atalanta ci ha un po' sorpreso, schierandosi con una difesa a tre mascherata ed è riuscita a costruire qualche buona occasione da gol. Nel secondo la Sampdoria ha giocato meglio sfiorando in due occasioni il vantaggio con Icardi e Sansone. Le due squadre hanno cercato di superarsi, ma non ci sono riuscite».

Il mister ha sorpreso tutti con una formazione 'inedita',e gli impieghi dal primo minuto di Mustafi e Berardi: «Non giocavamo da tre settimane ed ero curioso di vedere come avrebbe reagito la squadra. Dovevo sostituire dei giocatori a sinistra: Costa, che era sempre stato titolare ed è un mancino di ruolo e soprattutto di piede, ed Estigarribia che è rientrato giovedì notte dal Sudamerica ed ha svolto soltanto la rifinitura con il resto del gruppo. Berardi nello specifico è stato bravo a farsi trovare pronto: gli manca un po' il ritmo partita, ma non ha fatto male al pari dello stesso Mustafi, che è un ragazzo giovane del '92. L'ho già detto e lo ripeto: queste ultime partite mi serviranno a valutare qualche giocatore che fino a questo momento sto utilizzando meno».

Sulla classifica, il mister doriano conclude: «Io non amo fare calcoli. Ricordo che quando sedevo proprio sulla panchina dell'Atalanta, dopo aver disputato un gran girone d'andata, il Bologna si fece risucchiare nella zona calda sino ad arrivare a giocare lo spareggio-salvezza, poi perso col Parma. La partita con l'Atalanta l'ho affrontata come se fosse l'ultima giornata di campionato, stessa cosa farò per il recupero di mercoledì con l'Inter. La Sampdoria è una squadra che non può permettersi di fare calcoli, ma deve giocare ogni partita al massimo delle proprie potenzialità, anche perché con i risultati maturati sugli altri campi la lotta salvezza resta aperta. Come diceva Trapattoni: "non dire gatto finché non l'hai nel sacco", quindi finché non raggiungeremo una certa soglia non sarò tranquillo».

Nessuna sosta per la Pasqua, a squadra è già al lavoro al campo di allenamento di Bogliasco per preparare il recupero della sfida contro l'Inter

, in programma mercoledì sera alle 1830 al Ferraris.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento