Sabato, 18 Settembre 2021
Sampdoria

Coppa Italia, Sampdoria-Alessandria 3-2: vittoria in rimonta, ma quanta fatica

Grigi avanti 2-1 nel primo tempo con i goal di Chiarello e Corazza (intervallati dalla magia di Quagliarella), nella ripresa sorpasso firmato da Gabbiadini e Thorsby e sofferenza finale con tanti errori difensivi

Quanta sofferenza per la Sampdoria nei trentaduesimi di finale di Coppa Italia contro l'Alessandria. I blucerchiati mostrano una difesa assolutamente da registrare e vanno due volte in svantaggio contro una formazione di Serie B chiudendo il primo tempo sotto 2-1 con il botta e risposta tra Chiarello e Quagliarella e il rigore di Corazza a riportare avanti i Grigi. Buona reazione a inizio ripresa con il ribaltone firmato da Gabbiadini e Thorsby, poi la squadra di D'Aversa non la chiude e va in sofferenza nel quarto d'ora finale dove spreca almeno due volte il colpo del ko, ma concede anche troppe palle goal agli avversari. In attesa di news dal mercato, comunque, arriva il pass per i sedicesimi di finale di Coppa Italia, prossimo avversario il Torino. 

Pronti-via ed è subito corner per la Samp, batte Candreva per Gabbiadini che calcia di sinistro al volo, palla alta sulla traversa. Buon inizio della formazione di D'Aversa che al 4' ci prova con Candreva dalla distanza, attento Pisseri, ma all'8' passano in vantaggio i Grigi con Chiarello che dalla lunghissima distanza beffa un Audero non impeccabile e ancora Chiarello sfiora il raddoppio meno di un minuto dopo calciando a lato da buonissima posizione dopo un erroraccio di Murillo.

La Samp reagisce: al 10' goal annullato a Quagliarella per fuorigioco (magia di tacco, purtroppo inutile) e al 14' traversa clamorosa di Jankto con un gran tiro al volo, al 19' però nuovo brivido con un diagonale di Beghetto deviato in corner da Murillo. Tentativo di Gabbiadini al 24' con un sinistro potente che non sorprende Pisseri, poi Quagliarella concede il bis di tacco e, questa volta, non c'è var che tenga: posizione regolarissima su assist di Gabbiadini e goal che consente ai blucerchiati di pareggiare. La Samp cresce, ma chiude in svantaggio di un goal perché al 44' Bereszynski commette un doppio errore: prima perde Arrighini (che salta anche Murillo) e poi commette il fallo da rigore (pur con qualche dubbio) che consente a Corazza di riportare in vantaggio i piemontesi. Tutto da rifare.

Nessun cambio a inizio ripresa e i blucerchiati pareggiano subito: scarico di Quagliarella su Thorsby e lungo lancio in verticale per Gabbiadini, buco difensivo di Beghetto e a tu per tu il numero 23 non può sbagliare. Sulle ali dell'entusiasmo i ragazzi di D'Aversa che al 52' ribaltano tutto passando per la prima volta in vantaggio: cross dalla destra di Candreva e perentorio colpo di testa di Thorsby che non lascia scampo a Pisseri fissando il 3-2.

Dentro Damsgaard e fuori Jankto per cercare di chiudere il discorso, fuori poco dopo anche Quagliarella ed Ekdal per testare Torregrossa e Askildsen, l'occasione per il 4-2 capita però al solito Gabbiadini che, con un tiro a giro, sfiora il palo. A questo punto i blucerchiati perdono mordente e al 75' prova a svegliarli Orlando con un tiro alzato in corner da Audero, dal tiro della bandierina Benedetti di testa sfiora il palo. Non si desta dal torpore la formazione blucerchiata e al 77' Orlando la grazia a tu per tu con Audero. Sbanda la Samp, ma rimane in piedi. Finale ancora di sofferenza nonostante la superiorità numerica dall'84' quando Torregrossa costringe Benedetti al secondo giallo, altra amnesia in difesa (Chabot a vuoto) e chiusura provvidenziale del neoentrato Depaoli (cambio strano dopo l'infortunio di Murillo con Colley e Ferrari in panchina, centrali di ruolo). Caprari non la chiude all'88' con un tiro che termina a lato da buona posizione e Beghetto nel recupero sfiora il goal che avrebbe portato il match ai supplementari, poi ancora Caprari prima del triplice fischio spreca il goal del 4-2. Missione compiuta, ma quanta fatica.

SAMPDORIA-ALESSANDRIA 3-2 | TABELLINO E VOTI

Reti: 8' Chiarello, 28' Quagliarella, 44' Corazza (rig.), 46' Gabbiadini, 52' Thorsby

Sampdoria (4-2-3-1): Audero 5.5; Bereszynski 5.5, Chabot 5, Murillo 5 (83' Depaoli 6), Augello 6; Thorsby 6.5, Ekdal 6 (62' Askildsen 6); Candreva 6.5, Gabbiadini 7 (83' Caprari 5.5), Jankto 5 (52' Damsgaard 5.5); Quagliarella 7.5 (62' Torregrossa 6). All. D'Aversa. 

Alessandria (3-4-3):  Pisseri 6; Parodi 6.5, Benedetti 5.5, Mora 6; Mustacchio 6 (81' Pierozzi sv), Casarini 6 (61' Giorno 5.5), Ba Abou 6, Beghetto 5.5; Chiarello 7 (61' Orlando 6), Corazza 6.5 (86' Di Gennaro sv), Arrighini 6 (81' Kolaj 6). All. Longo.

Arbitro: Colombo di Como.

Note: ammoniti Ba, Casarini, Benedetti, Murillo, Chabot. Espulso Benedetti all'84' per somma di ammonizioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppa Italia, Sampdoria-Alessandria 3-2: vittoria in rimonta, ma quanta fatica

GenovaToday è in caricamento