Pallanuoto: la Pro Recco si affida alla leggenda Ratko Rudic

Dopo quattro ori olimpici conquistati al timone di tre nazionali diverse, il croato si siede per la prima volta sulla panchina di un club

La Pro Recco Waterpolo 1913 ha trovato il successore di coach Vujasinovic, si tratta di Ratko Rudic. Croato, nato il 7 giugno del 1948 a Belgrado, Rudic è riconosciuto come il più grande coach di pallanuoto di tutti i tempi. "Uno dei migliori, se non il migliore, allenatore di pallanuoto che abbia mai calcato il bordo piscina", lo ha definito la International Swimming Hall of Fame.

Il suo palmarès, d'altronde, non teme rivali: i quattro ori olimpici conquistati al timone di tre nazionali diverse (Jugoslavia 1984 e 1988, Italia 1992, Croazia 2012) sono l'apice di una carriera costellata di infiniti successi. Da giocatore ha militato nello Jadran di Spalato e nel Partizan Belgrado. Da coach ha allenato solo nazionali: Jugoslavia, Italia, Stati Uniti, Croazia e Brasile. L'ultima esperienza risale al 2016: alla guida della selezione verdeoro, Rudic è stato in grado di battere i campioni della Serbia alle Olimpiadi di Rio.

La sua prima volta sulla panchina di un club non poteva che essere con i colori della squadra più vincente. Entusiasmo, idee chiare e adrenalina a mille. L'uomo delle grandi imprese ha una nuova missione: riportare la Pro Recco sul tetto d'Europa. "Sono onorato di essere stato chiamato dalla Pro Recco, la società più titolata al mondo con una grande tradizione e un luminoso futuro davanti a sé - afferma il mister biancoceleste -. Non è stato difficile accettare: a Recco esiste un progetto che mi stimola e mi dà grande energia. Da una parte i risultati sportivi, che sono fondamentali, dall'altra la promozione della pallanuoto, con marketing e organizzazione segmenti su cui il presidente Felugo sta già lavorando molto bene. Ho percepito una bellissima atmosfera e un entusiasmo contagioso, fattori determinanti nella mia scelta: voglio riportare questa società ai livelli che merita". Obiettivo Champions? "Quando prendo una squadra la porto sempre a vincere...".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Precipita da un viadotto sull'A26 per fare pipì, gravissimo in ospedale

  • Elicottero su via Balbi e Principe, Alberto Angela al lavoro per le sue "Meraviglie"

  • Orche in porto, i timori di un gruppo di esperti: «Il piccolo sta morendo»

  • Orche "superstar", nuovo avvistamento in porto: «Spettacolo mozzafiato»

  • Pioggia e neve, prolungata l’allerta su tutta la regione

Torna su
GenovaToday è in caricamento