menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Luca Cupido, da Santa Margherita alle Olimpiadi per una medaglia (a stelle e strisce)

Il pallanuotista 21enne, nato e cresciuto nella Perla del Tigullio e con un doppio passaporto, è arrivato a Rio per gareggiare con la nazionale americana

Sarà anche schierato nelle fila della nazionale di pallanuoto americana, ma alle Olimpiadi di Rio Luca Cupido porta un pezzo di Liguria, e di una delle sue cittadine più affascinanti: Santa Margherita.

Nato nella perla del Tigullio 21 anni fa da papà sammargheritese, a sua volta ex pallanuotista del Camogli, con cui in gioventù ha vinto due scudetti, e mamma californiana (di San Francisco), Luca ha fatto la “gavetta” nelle fila della Rari Nantes (dove ha messo a segno 45 gol) e nella nazionale giovanile azzurra, con cui ha vinto un Mondiale Under 18, un Mondiale Under 20 e un Europeo Under 19.

Ne 2010, però, arriva la svolta: decidendo di “sfruttare” il doppio passaporto, Luca si trasferisce in California, dove studia all’Università di Berkeley e continua ad allenarsi attirando l’attenzione di Dejan Udovicic, allenatore della nazionale di pallanuoto americana, che vedendolo all’opera in piscina decide di convocarlo per partecipare ai Giochi di Rio.

Ed è proprio a Rio che Cupido, 1 metro e 93 centimetri per 100 kg di muscoli scolpiti da allenamenti giornalieri estenuanti, è arrivato nei giorni scorsi, pronto a giocarsi il tutto e per tutto per la bandiera a stelle e strisce nelle eliminatorie contro la Francia, in programma mercoledì 10 agosto alle 16.40. Nel frattempo Luca, amatissimo sui social network e ribattezzato scherzosamente dalle fan “il Ken italiano” per i capelli biondi e il fisico scultoreo, si è già portato a casa la medaglia d’oro per il fascino.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento