rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Genoa

Genoa, De Canio: «A Udine partita difficile, ma non partiamo battuti»

Il tecnico rossoblù suona la carica in vista della sfida al Friuli. Intanto il presidente Preziosi deve fare i conti con la maxi multa dovuta al mancato trasferimento di Panucci del 2009

In vista della fondamentale sfida che attende il Genoa allo stadio Friuli domenica 6 maggio contro l'Udinese,, il tecnico Gigi De Canio suona la carica e mette in guardia dai possibili risultati del Lecce e della Fiorentina, che giocano (non senza polemiche) nell’anticipo del sabato alle ore 18: «Il nostro destino dipende da noi, l’ho detto ai ragazzi alla fine della partita vinta contro il Cagliari. Concentriamoci sul cammino che ci attende, confidando nella possibilità di fare risultato nelle gare che rimangono e non pensiamo ai nostri avversari nella lotta per non retrocedere.  

Dobbiamo tutelare il vantaggio che abbiamo, domenica sarà una partita difficile, contro un avversario che sta facendo benissimo. Ma non partiamo battuti».

Intanto, la squadra continua ad allenarsi a porte chiuse a Pegli sotto gli occhi di Fabrizio Preziosi, che ha voluto stare nuovamente vicino alla squadra in questo momento delicatissimo.

Suo padre Enrico invece andrà con i giocatori in ritiro a Udine. Proprio il patron rossoblù è stato oggi multato di 100 mila euro dalla Commissione disciplinare nazionale della Figc per alcune violazioni del Codice di Giustizia Sportiva e del regolamento Agenti di calciatori. Ammende anche per la società Genoa di 30mila euro che riguardano, nel dettaglio, i fatti accaduti il 6 dicembre 2009 dopo Genoa-Parma per la vicenda del mancato trasferimento di Panucci.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genoa, De Canio: «A Udine partita difficile, ma non partiamo battuti»

GenovaToday è in caricamento