Genoa, Preziosi: «A Lo Monaco pieni poteri, io faccio un passo indietro»

Il presidente rossoblù ha annunciato in conferenza stampa che l'ex ad del Catania sarà amministratore delegato con funzioni di direttore generale

«Lo Monaco è il nuovo amministratore delegato del Genoa, con funzioni anche di direttore generale». Lo ha affermato i presidente del Genoa Enrico Preziosi durante la conferenza stampa di presentazione dell’ex dirigente del Catania a Villa Rostan.

Al nuovo membro della società è stato offerto un contratto di  3 anni, mentre a Zarbano è stata proposta la vice presidenza con precisi compiti. «Con Lo Monaco lascio il Genoa in buone mani - ha detto Preziosi -io continuerò a dire la mia sul mercato eseguirò sempre la squadra  ma sento la necessità di fare un passo indietro, devo disintossicarmi infatti per un periodo non verrò più allo stadio».

Uno sguardo anche al futuro: «Il nostro obiettivo non è quello di sopravvivere, ma di crescere, con Lo Monaco siamo d’accordo anche su questo.  Di certo non riusciremo a trattenere tutti i giovani promettenti di nostra proprietà, ma rimarranno quelli funzionali al progetto»

Infine un inevitabile accenno alla vicenda calcioscommesse: «In questi giorni stanno uscendo cose senza senso, io sono pulito. Ci sono le frequentazioni di alcuni miei giocatori con i tifosi, e questo invece mi dispiace molto, ma non riesco a capire come i tifosi mi possano aver salvato come hanno detto visto che l'unico condannato del processo sono io. Io non ho mai comprato una partita ma passo per quello che l'ha fatto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto ai giocatori coinvolti nelle indagini, il patron rossoblù ha dichiarato: «Sculli è stato un pilastro di questa squadra per 5 anni e gli voglio bene, ma dalle intercettazioni emerge un certo tipo di rapporto con i tifosi e va capito sino a dove si è spinto, ma non posso pensare che abbia fatto quello di cui è accusato, lui come del resto Criscito e Milanetto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Bassetti: «Seconda ondata? Basta allarmismo»

  • Uccide il padre dopo anni di violenze, l'"abbraccio virtuale" degli amici su Facebook: «Siamo con te»

  • Migliore street food italiano: un locale genovese premiato da Gambero Rosso

  • Ruba una valigia in un'auto ma passa davanti al proprietario poco dopo

  • Maxi tamponamento in A12: feriti e autostrada chiusa per due ore

  • Notte di San Lorenzo 2020, dove guardare le stelle cadenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento