menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara Genoa 2-0 | Il Grifone affonda all'Adriatico

Genoa in silenzio stampa dopo la sconfitta di Pescara. Il Grifone esce dallo stadio Adriatico con due gol di passivo e a fine gara la tensione è palbabile. Anche fra gli stessi giocatori e il tecnico Gigi Delneri. Il tecnico rischia l'esonero

Genoa in silenzio stampa dopo la sconfitta di Pescara. Il Grifone esce dallo stadio Adriatico con due gol di passivo e a fine gara la tensione è palbabile. Anche fra gli stessi giocatori e il tecnico Gigi Delneri. La società aveva confermato l'allenatore dopo la sconfitta casalinga contro il Chievo, ma ora l'esonero potrebbe essere inevitabile.



Il Genoa è ora penultimo in classifica con un punto di vantaggio sul Siena, penalizzato di sei punti. Gli arrivi a gennaio di Matuzalem e Floro Flores potrebbero non essere necessari da soli a rimettere sulla retta via la squadra, così a farne le spese potrebbe essere il tecnico, con l'eventuale ritorno di De Canio. Per vederer la sintesi della gara clicca qui .

CRONACA DEL MATCH Delneri deve rinunciare a Bertolacci, infortunatosi durante il riscaldamento. Il mister rossoblù lascia fuori Immobile e manda in campo Borriello, supportato da Jankovic e Vargas. Canini fa coppia al centro con Granqvist e Tozser va in cabina di regia. Il giocatore assolve solo in parte il compito e finisce per più per gestire palla in mezzo che per ispirare le bocche da fuoco rossoblù. Ma gli ospiti partono bene. Nel primo tempo le occasioni non mancano con due legni della porta difesa dall'ex Mattia Perin colpiti da Vargas e Kucka. Ci provano Jankovic su punizione, Vargas con un velenoso tiro-cross dalla sinistra e Merkel, ma il risultato non si sblocca.

Zero a zero alla fine dei primi 45' minuti e tutti negli spogliatoi. Delneri torna ad accomodarsi in panchina, atteggiamento insolito per un allenatore sulla graticola. Invece di sbracciarsi per dare indicazioni ai suoi, l'ex tecnico bianconero si limita a osservare la partita. È così che al 7' il Pescara sblocca il risultato. Bjarnason s'invola sulla destra e serve Weiss che crossa in area piccola per Abbruscato. Il giocatore, a due passi da Frey, non deve fare altro che appoggiare la palla in rete.

Delneri corre ai ripari e butta dentro Immobile e Seymour per Toszer e Merkel. L'ex pescarese entra in campo senza nemmeno scaldarsi. La musica non cambia. Il Genoa si spinge in avanti alla ricerca del pari, scoprendo al contropiede. Venti minuti più tardi Weiss pesca Vukusic in area, il croato spara verso la porta, Frey non trattiene e la palla va a insaccarsi in rete. Il tiro in realtà non pare irresistibile con qualche responsabilità da parte del portiere francese. Il Genoa tenta il tutto per tutto. Al 31' Immobile crossa in area per Vargas che colpisce di testa, trovando la parata di Perin. Al 35' ci prova poi anche Borriello, ma il suo pallonetto è controllato in due tempi da Perin. Non succede più nulla fino al triplice fischio. Poi bocche cucite con la stampa e contatti serrati fra Foschi e Preziosi, rimasto a Genova. Nella notte non si escludono novità.

PESCARA-GENOA 2-0
52' Abbruscato, 72' Vukusic

PESCARA (4-3-1-2): Perin, Balzano, Cosic, Terlizzi, Modesto, Nielsen, Togni, Bjarnason, Weiss, Vukusic (42' st Jonathas) Abbruscato (30' st Cascione). (32 Pelizzoli, 2 Zanon, 3 Crescenzi, 6 Romagnoli, 7 Soddimo, 10 Celik, 16 Brugman, 93 Quintero, 99 Caprari). All.: Bergodi.

GENOA (4-1-4-1): Frey, Sampirisi, Granqvist, Canini, Moretti, Tozser (11' st Immobile), Jankovic (37' st Rossi), Kucka, Merkel (11' st Seymour), Vargas, Borriello. (32 Donnarumma, 9 Melazzi, 15 Krajnk, 16 Hallenius, 18 Piscitella, 23 Said, 63 Stillo). All.: Delneri.
ARBITRO: Celi di Bari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento