menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inter-Genoa, Gilardino: 'Palacio spalla fondamentale'

In vista della trasferta di San Siro, il bomber rossoblù fa il punto sul campionato e sulla classifica del Grifone. Poi c'è spazio per un rammarico, quello per i tanti infortuni che hanno complicato la sua stagione. Ma con l'argentino al fianco la strada verso il gol sembra meno in salita

 

'Preoccupato? No, ma bisogna restare vigili e chiudere quanto prima i conti salvezza. Con l'Inter sarà una partita dura, ma nel calcio non si può mai sapere'. Alberto Gilardino, dalle pagine del sito ufficiale del Genoa, prova a guardare al futuro con ottimismo pur consapevole che la prossima sfida in casa dei nerazzurri sarà tutt'altro che semplice.
 
La classifica del Grifone preoccupa, un altro risultato negativo potrebbe far uscire allo scoperto quel malumore che cova sotto la cenere e minare ulteriormente la stabilità dell'ambiente rossoblù. Per il momento sette punti di vantaggio sulla terz'ultima sono un buon bottino. Manca però la vittoria, come una boccata d'ossigeno a nove giornate dalla fine del campionato.
 
Gli ultimi tre punti conquistati risalgono al 5 febbraio - otto gare fa - quando al Ferraris venne sconfitta la Lazio. In due mesi i sogni d'Europa si sono tramutati in pensieri di salvezza, complici anche i tanti infortuni. E prima che diventino incubi urge invertire la rotta. Fondamentale sarà l'apporto di Gilardino, rientrato da due settimane e solo domenica scorsa finalmente decisivo con l'assist vincente per il pareggio di Palacio.
 
'Gli infortuni mi hanno complicato i piani in questa stagione - spiega - e devo recuperare la forma migliore, non posso dire di essere al 100%. Finora insomma non si è visto il vero Gilardino, per questo mi auguro di mettere a segno presto dei gol pesanti, in collaborazione con Palacio, una spalla fondamentale per gli assist. Serve l'aiuto di tutti in questo finale'.
 
Il modo migliore per scacciare qualunque timore sarebbe conquistare i tre punti a San Siro, sfruttando le difficoltà dei nerazzurri al terzo cambio in panchina stagionale e in una di quelle annate da dimenticare al più presto. Un'occasione da sfruttare anche se i numeri in questo caso sono contro la squadra di Preziosi che non vince in trasferta da dicembre (a Siena con Malesani in panchina) e nelle ultime sette gare lontano da casa ha saputo conquistare appena un punto (Ansa).
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento