VIDEO | Genoa-Verona 2-2: goal di Ilic, Shomurodov, Faraoni e Badelj

Il Grifone acciuffa il pareggio all'ultimo respiro contro un ottimo Verona. Gara sempre in salita con i rossoblù costretti a rimontare due volte. Finale di partita giocato in dieci per l'infortunio di Pellegrini a cambi ultimati

 

Il Genoa mantiene l'imbattibilità e arriva a sette risultati utili consecutivi. Match difficile contro il Verona dell'ex Juric, squadra solida e molto organizzata. Shomurodov rimonta la rete di Ilic, quindi gli scaligeri tornano avanti con il goal di Faraoni. I rossoblù chiudono la gara in inferiorità numerica a causa dell'infortunio di Pellegrini a sostituzioni già esaurite, ma trovano la forza di pareggiare negli ultimi secondi con il capolavoro di Badelj dalla distanza sugli sviluppi di un calcio d'angolo

La cronaca del match

Proprio il croato, che sarà protagonista, rientra a disposizione dopo la squalifica e torna a prendere in mano le redini del centrocampo, mentre davanti Ballardini preferisce Pjaca a Pandev. Tantissimi gli ex tra i veronesi, a partire da Juric per arrivare a Gunter, Lazovic, Bessa, Veloso, Sturaro, Favilli e Salcedo. Dopo il minuto di raccoglimento in ricordo di Mauro Bellugi, la gara prende il via con un Verona subito aggressivo. Gialloblù potenzialmente pericolosi in un paio di occasioni, con il Genoa che prova a rispondere ma senza l'efficacia propria delle ultime partite. Nei primi minuti nessun tiro in porta, ma gli scaligeri continuano a farsi senza dubbio preferire per intensità e giro palla. La supremazia viene capitalizzata al 17', quando arriva la prima conclusione in porta della partita: errore di Czyborra che favorisce Barak, grande azione del ceco che salta Criscito e mette in mezzo un pallone ghiotto sul quale si avventa il giovane Ilic che batte Perin in bello stile. Il Genoa va in svantaggio dopo sei partite e dimostra di aver accusato il colpo: due minuti dopo la rete del vantaggio, ecco Gunter lanciare Lasagna che si invola da solo davanti a Perin e fallisce clamorosamente una facile occasione calciando fuori.

Il rischio scuote i rossoblù che cominciano finalmente a farsi vedere dalle parti di Silvestri, anche se non in maniera troppo pericolosa. Al 23' Czyborra raccoglie un cross di Zappacosta ma calcia fuori. Al 27' ci prova Pjaca, ma anche il suo tiro è da dimenticare. Il Grifone alza il baricentro, ma dimostra di patire le ripartenze e i cambi di ritmo di un buon Verona. Brutto intervento di Lasagna su Criscito, ma l'arbitro grazia l'attaccante ospite. Al 39' anche Magnani ricorre alle maniere forti per arrestare Pjaca: calcio di punizione molto interessante sul quale Zajc non trova la porta per pochi centimetri, ottima opportunità per il Genoa. Buono il finale di primo tempo del Grifo, che adesso conduce decisamente le operazioni: pochi secondi prima del fischio di Marchetti arriva un'altra grande occasione al termine di una bella azione in velocità conclusa da Zajc fuori di un soffio. Termina dunque la prima frazione con un Genoa sottotono nella prima parte e meritatamente in svantaggio, ma in netta crescita nel finale con due tentativi di Zajc fuori misura per questione di centimetri.

Ballardini decide di cambiare inserendo Shomurodov per Zajc, che pure era stato il più pericoloso, e Pellegrini per Czyborra. L'esterno di proprietà Juve torna dopo un lungo periodo ai box. Verona subito pericoloso con un'iniziativa prolungata, poi arriva immediato il pareggio del Genoa. La scelta di Ballardini si rivela azzeccata, ed è proprio il nuovo entrato Shomurodov ad approfittare di una disattenzione della difesa scaligera e battere Silvestri con un bel destro. Rete dunque meritata per un Genoa che è cresciuto col passare dei minuti. Il Verona però non si scompone e reagisce subito con veemenza: al 52' tiro a botta sicuro di Lasagna e palo pieno a Perin battuto. Rossoblù questa volta fortunati. Ballardini pensa a coprirsi e rinuncia alle tre punte inserendo Rovella per Pjaca. Gara adesso equilibrata con manovre convincenti da una parte e dell'altra, ma il Verona dopo il goal subito ha ripreso ad affacciarsi con più continuità nella metà campo avversaria. Al 61' i gialloblù trovano la rete del raddoppio: cross sul quale Perin non è pulito, il pallone arriva a Faraoni che praticamente a porta vuota riesce a insaccare. Accelera la squadra di Juric, che cerca il colpo del ko: al 63' ci prova Barak dalla distanza, Perin questa volta è attentissimo e vola a respingere.

Il tecnico genoano corre ai ripari e ultima le sostituzioni affidandosi a Pandev e Scamacca per Strootman e Destro. Grifone che prova ad aumentare la pressione in vista del finale di partita, ma in contropiede l'organizzatissimo Verona fa paura. Al 74' prova il tiro Scamacca, Silvestri è attento. Brutta notizia però al 78': problemi per Pellegrini, che è costretto ad abbandonare il campo e a lasciare così i compagni in dieci uomini. Il Genoa in questa fase mantiene il possesso palla e prova il forcing finale nonostante l'inferiorità numerica. Scamacca ancora pericoloso con un tacco su cross di Criscito, la difesa chiude. Gli scaligeri si difendono bene e gli ultimi minuti sono piuttosto confusi. All'85' rischia tantissimo Cetin per un contatto con Scamacca, ma l'arbitro con l'aiuto del VAR decide di non intervenire. Poco dopo contropiede con l'ex Bessa che non trova la porta per pochissimo. Ultimi assalti nel recupero, con il Genoa caparbio che tenta il tutto per tutto e riesce a conquistare un paio di angoli consecutivi: sugli sviluppi dell'ultimo corner la palla arriva a Badelj che lascia partire un bolide imprendibile e pareggia i conti all'ultimo respiro facendo esplodere di gioia la panchina rossoblù. Finisce dunque 2-2 con un Genoa meno preciso di altre volte ma bravo a rimettere sui giusti binari un match che sembrava destinato a finire male.

TABELLINO E VOTI

GENOA-VERONA 2-2

Reti: 17' Ilic, 48' Shomurodov, 61' Faraoni, 94' Badelj.

Genoa (3-5-2): Perin 5.5; Masiello 6.5, Radovanovic 6, Criscito 5.5; Zappacosta 6, Strootman 6 (67' Pandev 6), Badelj 7, Zajc 6.5 (46' Shomurodov 6.5), Czyborra 5 (46' Pellegrini sv); Pjaca 5.5 (55' Rovella 6), Destro 5 (67' Scamacca 6). All.: Ballardini.

Verona (3-4-2-1): Silvestri 6; Magnani 6, Gunter 6.5, Lovato 6 (46' Cetin 4); Faraoni 6.5 (68' Vieira 6), Tameze 6.5 (93' Sturaro sv), Ilic 7 (82' Veloso sv), Lazovic 5.5; Barak 7, Zaccagni 6.5 (82' Bessa sv); Lasagna 5. All.: Juric.

Arbitro: Marchetti di Ostia Lido.

Note: ammoniti Strootman, Cetin.

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento