menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Genoa Siena, Preziosi: «Ostaggio di cento delinquenti»

Dura reazione del presidente rossoblù al termine della gara contro il Siena e delle contestazioni degli ultras: «In Italia manca la cultura sportiva, impensabile che 100 persone condizionino un'intera gara»

Dura reazione del presidente del Genoa Enrico Preziosi dopo i fatti di Genoa Siena: «siamo stati ostaggio di 60-80 delinquenti. Non si può permettere a 60-80 persone di impadronirsi di uno stadio. In Italia non abbiamo cultura sportiva, le sconfitte non si accettano mai. Queste persone devono andare in galera. Basta permissivismo».

«Capisco che sullo 0-4 le speranze si sono affievolite - prosegue Preziosi -, ma non ci comporta così. Questi 80 delinquenti non possono buttare delle bombe  in campo con i bambini presenti sugli spalti e non possono in nessun modo incidere sull'esito del campionato. Se non veniva ripresa la partita avremo avuto anche dei punti di penalizzazione».

Continua poi Preziosi: «Non voglio polemizzare con le forze dell'ordine, ma non è possibile che in Italia che un centinaio di persone abbia il potere di fare quello che vuole; mi aspetto una risposta dalle forze dell’ordine perché non accetto l’umiliazione ai miei giocatori, vorrei chiedere allo Stato come mai sono stati impiegati solo 10 poliziotti di fronte a queste persone che hanno il sopravvento e che hanno imposto a noi dei comportamenti anti-sportivi.

I fatti sportivi dicono che i due allenatori sono stati mediocri, il presidente peggio di loro, ma io credo ancora nella salvezza, che è alla nostra portata. A questo punto è meglio che ci squalificano il campo così andiamo a giocare fuori. Un peccato per chi viene allo stadio per vedere la partita, magari soffrire per questo momento difficile, ma senza sfociare in episodi di violenza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento