menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Genoa Milan, Ballardini: «Siamo amareggiati ma dobbiamo reagire»

Il tecnico rossoblù non nasconde il proprio rammarico per la conduzione arbitrale di Damato ma guarda avanti. Il ds Foschi è un fiume in piena: «E' una vergogna»

La partita contro il Milan ha lasciato l'amaro in bocca in casa Genoa: l'arbitraggio di Damato non è stato all'altezza, e il fischietto è riuscito nella difficile impresa di scontentare uno e l'altra parte. I danni maggiori li ha subiti il Genoa, a cui non sono stati fischiati due rigori netti che avrebbero potuto cambiare il corso della partita. Il Milan invece si lamenta per le mancate espulsioni di Portanova e Bovo.

La tendenza in casa Genoa è sempre stata quella di soprassedere agli errori aribtrali, che però stanno decisamente aumentando nelle ultime giornate di campionato. Motivato quindi, lo sfogo di mister Balllardini a fine partita: «Il Genoa ha fatto una buona partita considerata la forza del Milan, che vive un ottimo momento di forma, e la mancanza di giocatori importanti a centrocampo come Kucka e Matuzalem. Spiace, perché abbiamo concesso 3-4 palle gol al Milan e abbiamo trascorso 60 minuti nella loro metà campo. Gli gira tutto bene, speriamo sia così anche a Barcellona. Tifiamo per loro».

Circa gli episodi dubbi in area rossonera, Ballardini commenta: «Gli episodi arbitrali possono esserci, siamo umani e tutti possono sbagliare, ma c’erano due rigori. Se gli arbitri non li danno ci può stare, ma c’erano due falli netti. Mi piacerebbe vedere gare del genere arbitrate da un direttore di gara scozzese, inglese o tedesco, che vengono qui ad arbitrare Genoa-Milan, o il Siena o il Napoli. Secondo me gli arbitri italiani sono i migliori al mondo, ma lo dimostrano solo quando vanno a dirigere partite internazionali perché pensano ad arbitrare e basta. Quando arbitrano nel nostro paese si fermano troppo a discutere con i giocatori, qualcuno li chiama per nome, altri li insultano senza motivo, ma loro non prendono provvedimenti. Non capisco perché un calciatore come Kucka non sanno nemmeno chi sia e altri colleghi di grandi squadre vengono chiamati per nome».

Meno diplomatico il ds Rino Foschi: «È una vergogna, le ultime tre gare sono state incredibili, è la terza volta che veniamo penalizzati. Prima a Palermo, poi a Roma e ora qui. Non siamo qui a fare le comparse per chi deve fare risultato,meritiamo più rispetto. E’ settimane che cerco Braschi ma non mi risponde,  a chi dobbiamo rivolgerci? Al Presidente della Repubblica? Al presidente del Coni?» ha detto ironicamente il ds rossoblù.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento