menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Genoa, lo sfogo di Preziosi: «Basta con le illazioni e le accuse»

Il presidente rossoblù si dichiara arrabbiato per gli attacchi mediatici a lui e al Genoa: Questa situazione è assurda, siamo un bersaglio facile ma io ho la coscenza pulita»

Duro sfogo del presidente del Genoa Enrico Preziosi: dal ritiro di Bormio il patron rossoblù ha commentato ai microfoni di Primocanale le notizie apparse su alcuni quotidiani su un suo coinvolgimento nella presunta combine del derby del maggio 2011, quello vinto dal Genoa nel finale di partita grazie alla rete di Boselli.

«Le accuse nei miei confronti sono solo illazioni. Sui giornali si usano dei 'sarebbe' e si raccontano i fatti col condizionale, questo non va bene - da detto il patron -  Se fossi realmente indagato per il derby avrei dovuto ricevere un avviso di garanzia, e questo non è accaduto».

Preziosi ha poi continuato lo sfogo:« Giù le mani dal Genoa, ho la coscienza pulita. Questa situazione è assurda, se i magistrati devono chiedermi qualcosa io sono qui. Sono arrabbiato con chi scrive cose che servono solo a danneggiare l'ambiente Genoa. Siamo un bersaglio facile».

Infine qualche considerazione sul futuro: «In circostanze come queste avrei voglia di mollare, ma ho un impegno e dopo otto, nove anni di presidenza, dopo tutto quello che ho passato ho il Genoa nel cuore. Se un domani si presentasse un acquirente con maggiori possibilità economiche del sottoscritto, lo accoglierei a braccia aperte, ma credo che in un momento così di crisi finanziaria è difficile. In tutti casi rimarrei come socio di minoranza per stare vicino sempre al mio Genoa e per accompagnarlo».

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento