rotate-mobile
Festa dello sport / Porto Antico

Incontro di culture e talento: il successo del Galà delle discipline marziali al Porto Antico

Questo è stato il galà delle discipline marziali inserito nel contesto della Festa dello Sport, tenutasi al Porto Antico di Genova e giunta alla sua 20a edizione, con 132 diverse discipline e 200 associazioni partecipanti

Un pubblico competente e partecipe, esibizioni frutto di tecnica e preparazione, e l'incontro tra due culture: Oriente e Occidente. Questo è stato il galà delle discipline marziali inserito nel contesto della Festa dello Sport, tenutasi al Porto Antico di Genova e giunta alla sua 20a edizione, con 132 diverse discipline e 200 associazioni partecipanti. L'evento è stato reso possibile grazie agli sforzi organizzativi di numerosi enti, ma soprattutto della Uisp.

Tra le società partecipanti, la scuola di Kung Fu e Tai Chi di Genova, diretta dall'insegnante Patrizia Esposito, ha suscitato grande entusiasmo tra il pubblico. La scuola è rinomata per essere tra i discepoli del compianto e mai dimenticato maestro Shin Dae Woung. Gli allievi hanno dato il massimo, con esibizioni che hanno incluso anche bambini dai 5 ai 10 anni, deliziosi nell'applicazione delle tecniche. Sotto la guida della cintura nera Alessandro Ballardin, i ragazzi hanno eseguito le forme base e alcune pratiche di combattimento. Lo stesso Ballardin è stato applaudito per una forma di combattimento a mani nude denominata Cian Kuan Deis, eseguita con la collaborazione di Alessandro Cafiero. Aurora Ribolla si è distinta per la pulizia della tecnica nel Tang Lang Zeo, mentre Ilaria Tovo ha mostrato grande qualità nel Cian Quan Deis nella versione individuale. Un momento particolarmente intenso è stato il difficile duello con coltelli veri tra Patrizia Esposito e Alessandro Ballardin, seguito con grande silenzio e concentrazione dal pubblico.

Un altro momento interessante è stata l'esecuzione di tecniche di Tai Chi, la meditazione in movimento che rilassa e fortifica cuore e mente, curata da Vincenza Marchese. Patrizia Esposito ha commentato: "Il mio ringraziamento doveroso va a tutti quelli che hanno partecipato al galà ma anche a quelli che si impegnano a portare avanti l'attività dell'associazione giorno per giorno. Un grazie particolare ad Alessandro Ballardin, Leo Capelli, Ilaria Tovo, Aurora Ribolla, Vincenza Marchese e Annamaria Pastorelli, che pur essendo una cintura bianca ha dimostrato applicazione, impegno e dedizione nello studio del Kung Fu: un esempio per i compagni di corso e fonte di ispirazione e orgoglio anche per noi insegnanti."

Soddisfazione anche tra i genitori dei numerosi bambini che hanno dimostrato passione sportiva e volontà. Irene, mamma di Isabella, una piccola studentessa di Kung Fu, ha dichiarato: "I valori che si insegnano nella palestra di via Odero sono fondamentali nel percorso educativo di un bambino. Alla dimostrazione mi sono emozionata e un po' commossa. Per i nostri figli, disciplina posturale e comportamentale sono elementi basilari della loro salute e della formazione come futuri membri della società."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incontro di culture e talento: il successo del Galà delle discipline marziali al Porto Antico

GenovaToday è in caricamento