Sport

Ciclotappo: il genovese Ivan Crespiani è nuovamente campione italiano granfondo

Domenica 15 novembre, in concomitanza con la sagra del tartufo, si è svolta ad Asti la 12^ e ultima Tappa del Campionato Italiano di CicloTappo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Domenica 15 novembre, in concomitanza con la sagra del tartufo, si è svolta ad Asti la 12^ e ultima Tappa del Campionato Italiano di CicloTappo, una gara speciale che, oltre a dare punti alla classifica del “Giro d'Italia” 2015, si disputa presso il circolo “Diavolo Rosso” nell'ex chiesa di San Michele, su una pista creata con tutti i pezzi disponibili, e qualcosa in più, la lunghezza complessiva della pista è di circa 71,25 metri ma ogni concorrente ha corso su una distanza di circa 63,50 metri. La particolarità di questa gara è anche che non ci sono eliminatorie ma tutti giocano sulla stessa pista. È stata una gara avvincente che ha visto la partecipazione agguerrita di varie delegazioni regionali (Liguria, Lombardia, Piemonte e Toscana) alla presenza di un folto pubblico.

Durante la manifestazione sportiva/goliardica, su richiesta delle delegazioni, il presidente della Federazione Italiana Giuoco CicloTappo, Claudio Scarfì, ha fermato la gara chiedendo un minuto di silenzio per le vittime delle stragi a Parigi e tutti, atleti e spettatori, si sono alzati compostamente in piedi.

Il percorso pieno di difficoltà ha visto una partenza su due tracciati simmetrici per dare la possibilità ai concorrenti di non sovrapporsi e dopo alcuni metri la pista è tornata a essere una per tutti. permettendo ai due impeccabili arbitri, Leonardo Mugnaini da Viareggio e Giovanni Calissano da Asti, di seguire con il massimo dell'attenzione e precisione il prosieguo della gara.

Già dall’inizio l’andatura l’hanno fatta il viareggino Michele Pardini, che già a Verona quest’anno ha conquistato il titolo Italiano su Gara Unica, e il pluricampione genovese Ivan Crespiani, mentre i due aspiranti al titolo del giro, Marco Mogliotti di Asti e Angelo Galli di Viareggio sembrava andassero con il freno tirato. Grande gara di un altro genovese, Enrico Arca, vincitore della scorsa edizione che ci ha abituato a splendide rimonte e anche domenica è riuscito a non deludere i suoi fan.

La gara si è conclusa dopo 5 ore e 6 minuti con Ivan Crespiani che ha conquistato il suo 4° titolo della specialità, Enrico Arca secondo e Michele Pardini terzo. Altri genovesi in classifica Raimondo Cintoli al 6°, Claudio Scarfì all’8° e Paolo Ariano al 15° posto.
Il titolo Italiano a punti è stato assegnato alla “Maglia Rosa” Angelo Galli che si è piazzato al 4° posto mentre il suo “rivale” Marco Mogliotti” arrivando 5° si è visto portare via da Crespiani l’argento.

Una gara lunghissima che ha chiuso un Campionato altrettanto lungo e bello, la partenza a Maggio da Genova e poi a seguire Mantova, Monza, Lucca, Lido di Camaiore, Aosta, Alessandria, Verona, Bologna, Levanto, Gallipoli per finire ad Asti.

Un ringraziamento particolare al designer Gianluigi Dossena che anche quest’anno ci ha fornito uno splendido pezzo unico, l’Arena di Verona, i ringraziamenti, per questa esperienza, vanno agli atleti e alle delegazioni che ci hanno seguito lungo la nostra bella penisola, alle amministrazioni, pro loco e circoli, che hanno chiesto di portare il CicloTappo nelle loro piazze e a tutti quelli che ci hanno sostenuto: A4Adesign, Associazione Giochi Antichi di Verona, Biscottificio Grondona, Caroli Hotels, Consorzio Ricrea, Doghe di Cartone, Lo Scrigno, Olio Santagata, Pastificio Novella, Pelliconi, Scatolificio Doch.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclotappo: il genovese Ivan Crespiani è nuovamente campione italiano granfondo

GenovaToday è in caricamento