rotate-mobile
Sport

Calcioscommesse, Ventura: sospetti su Genoa-Bari 2-1

Dopo i dubbi su una presunta combine fra Masiello e Guberti della Sampdoria, l'ex tecnico solleva sospetti su quel gol di Toni al 92'. Ventura era scontento di alcuni giocatori «Avevano un atteggiamento di sufficienza»

Genova - Lo scandalo sul calcioscommesse rischia di coinvolgere anche Genoa e Sampdoria. Dopo le accuse, respinte dal giocatore, di una combine che avrebbe visto coinvolto Beppe Sculli e i 400 mila euro dati da Guberti a Masiello per Bari-Samp, sono anche le dichiarazioni di Giampiero Ventura, ex tecnico dei biancorossi, a far tremare la Genova del calcio.

Ventura, in un interrogatorio del 7 febbraio, allegato agli atti dell'inchiesta, avrebbe espresso tutta la sua perplessità per quel Genoa-Bari del 3 ottobre 2010 finita 2-1. Per l'attuale tecnico del Torino, quella partita 'era impensabile da perdere'. Il Genoa ottenne la vittoria con Toni al 92' su palla da fermo.

Alcune perplessità si erano insinuate nella mente del tecnico su alcuni dei suoi ex giocatori «non ero contento di Andrea Masiello, come non ero contento di altri perché erano reduci da una annata assolutamente positiva e quindi avevano un atteggiamento di sufficienza, tanto è vero che nel ritiro di precampionato feci due riunioni abbastanza pesanti».

Poi Ventura mise fuori squadra il giocatore, auspicando inutilmente un intervento della società. Di fronte all'immobilismo della dirigenza, Ventura decise di presentare le dimissioni.

Pochi giorni fa, il presidente della Figc Giancarlo Abete ha chiarito da Genova la sua volontà di arrivare a tutti i deferimenti necessari entro la fine di aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcioscommesse, Ventura: sospetti su Genoa-Bari 2-1

GenovaToday è in caricamento