rotate-mobile
Calcio

Calcio femminile nel professionismo: primi storici tesseramenti 'pro' per la Samp

Le calciatrici del massimo campionato femminile potranno contare su uno stipendio minimo garantito e su tutele riconosciute, come l’assicurazione, la maternità e la pensione

Il calcio femminile è ufficialmente entrato nell'era del professionismo venerdì primo luglio 2022, anche la Sampdoria, che dall'anno scorso milita in Serie A, ha ufficializzato i primi tesseramenti di calciatrici professioniste. 

Si tratta di Dominika ?on?, Bianca Fallico, Melania Martinovic, Elena Pisani, Cecilia Re, Yoreli Rincón, Sabah Seghir, Giorgia Spinelli, Amanda Tampieri e Stefania Tarenzi. 

Il presidente della Figc nei giorni scorsi aveva dichiarato in merito a questo cambiamento epocale: "Un grande giorno per il calcio femminile e per tutto lo sport italiano, il debutto del professionismo rappresenta una conquista di civiltà che farà bene al Paese intero. Grazie alla Federcalcio, alla Divisione, ai Club e alle calciatrici abbiamo compiuto, tutti insieme, un passo decisivo nel proiettare il nostro sistema in una dimensione più equa e internazionale. Il percorso di sviluppo comunque deve essere ancora accompagnato con interventi mirati, auspico di trovare sempre al nostro fianco il Governo e il Parlamento, come peraltro è già avvenuto nella prima fase, per consolidare questa svolta e radicarla nella cultura nazionale".

Grazie all'accordo collettivo definito dall’assemblea dei club di Serie A Femminile (di durata triennale) le calciatrici del massimo campionato femminile potranno ora contare su uno stipendio minimo garantito e su tutele riconosciute, come l’assicurazione, la maternità e la pensione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio femminile nel professionismo: primi storici tesseramenti 'pro' per la Samp

GenovaToday è in caricamento