rotate-mobile
Calcio

Roma-Genoa 1-0: Gilardino firma ma non sfata il tabù Olimpico

L'Olimpico resta uno stadio stregato per il Genoa che oggi perde contro la Roma nel giorno della firma sul rinnovo di Gilardino

Il Genoa ferma la sua corsa dopo tre risultati utili consecutivi allo stadio Olimpico, un vero e proprio tabù per i rossoblu che qui non vincono da 34 anni Un gol di Lukaku mette al tappeto il Grifone che oggi però ha chiuso definitivamente la questione Gilardino, il tecnico ha firmato fino al 2026 e si proietta nel futuro. 

Leggi anche: Roma-Genoa 1-0, pagelle: Vasquez tuttofare, Martinez sicuro, male gli esterni

Roma-Genoa 1-0, la cronaca

Gilardino lascia in panchina Gudmundsson e punta sulla coppia pesante Retegui-Ekuban, rispetto alle ultime uscite spazio a Strootman dall'inizio, per lui ovazione dell'Olimpico abbraccio sentito con l'ex compagno De Rossi, per il resto solito Grifone con Vogliacco al posto di Bani e De Winter spostato al centro della difesa. 

La gara parte con tanto studio e la Roma che prova a spingere ma senza trovare spazio contro un Genoa come sempre ben disposto in campo. La prima occasione arriva al 22' ed è di Baldanzi che prova il colpo da fuori ma non inquadra di poco la porta, poco dopo risponde Vasquez ma il suo colpo di testa finisce tra le braccia di Svilar. Pochi acuti nella sfida, anche perché senza la fantasia di Dybala e Gudmundsson le difese hanno buon gioco, anche se al 29' Frendrup in contropiede pesca Retegui con l'attaccante che sparacchia alto. La Roma invece continua a martellare da distanza ma prima Cristante e poi Paredes non trovano la porta difesa da Martinez.

Nella ripresa si parte senza cambi e con qualche scaramuccia, come i due colpi di testa di Lukaku e Vazquez che non mettono in difficoltà Martinez e Svilar, ma ancora con poco ritmo. De Rossi prova ad invertire la tendenza inserendo l'ex El Shaarawy e Dybala per Baldanzi e Pellegrini. Prime mosse anche per GIlardino che chiama Thorsby e Gudmundsson per Ekuban e Strootman. Al 70' prima palla gol per la Roma con Lukaku che si invola e poi calcia ma Martinez è attento, il belga ci riprova subito dopo ma Vogliacco chiude tutto. Al 72' la Roma resta in dieci per le proteste di Paredes che si prende prima il giallo, poi continua e viene mandato sotto la doccia. Sembra un svolta positiva per il Genoa e invece così non è perché al 79' Lukaku di testa incorna il cross di El Shaarawy e batte Martinez. Gilardino non ci sta e prova inserire prima Malinovskyi e poi Vitinha. Al 90' Genoa vicino al pareggio con cross di Vasquez su cui nessuno riesce ad intervenire e con palla che finisce di poco fuori.

Roma-Genoa 1-0, il tabellino

Marcatori: 79' Lukaku

Roma (4-3-2-1): Svilar ; Celik , Llorente , N’Dicka , Angelino (81' Mancini); Cristante, Paredes, Bove; Baldanzi (63' El Shaarawy), Pellegrini (63' Dybala 90' Kristensen), Lukaku (90' Abraham)

Genoa (3-5-2): Martinez; Vogliacco De Winter, Vasquez, Spence, Frendrup (90' Ankeye), Badelj (81' Malinovskyi), Strootman (68' Thorsby), Martin; Ekuban (68' Gudmundsson), Retegui

Arbitro: Manganiello

Note: ammoniti: Lukaku, Espulso Paredes

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma-Genoa 1-0: Gilardino firma ma non sfata il tabù Olimpico

GenovaToday è in caricamento