Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Speciale

Piattaforme autocarrate: a cosa servono e perché conviene noleggiarle

Per poterle guidare basta essere possessori della patente B

Nate negli Stati Uniti negli anni 70 dalla mente di John L. Grove per sostituire i più classici ponteggi, le piattaforme aree permettono di poter svolgere i lavori in altezza con sicurezza, risparmiando tempo e denaro. Esse sono molto utilizzate nella cantieristica, nell’edilizia e nel settore impiantistico.

Grove pensò che grazie a un braccio, definito “sollevatore”, e un cestello in cui stazionano le persone, si potessero agevolare e velocizzare le operazioni ad alta quota. I fatti gli diedero ragione, dato che questi macchinari sono molto diffusi da decenni, rivoluzionando il modo di lavorare. Il design e la struttura sono infatti progettati per allungarsi verso l’alto, senza tuttavia risultare ingombranti, e nel contempo per permettere di sollevare carichi pesanti e persone in totale sicurezza.

Le piattaforme aeree autocarrate: un mezzo versatile e facile da manovrare

Oggi le piattaforme aeree sono in continua evoluzione e ne esistono di tanti tipi, adatte a seconda del contesto e del tipo di scopo, differenziandosi per motore, peso e altezza. Tra i macchinari più versatili rientrano le piattaforme autocarrate: strumenti di sollevamento non montati su una struttura fissa, ma su un veicolo, appunto. Questo permette alla piattaforma di circolare su strada e di spostarsi facilmente da un luogo a un altro, senza dover più utilizzare automezzi pesanti per il trasporto.

La stabilità delle piattaforme autocarrate è data dal peso del doppio telaio. Da una parte, infatti, c’è quello del veicolo, dall’altra un telaio di supporto, ancorato al primo. La facilità di trasporto e di mobilità permette alle aziende di utilizzare queste piattaforme in lavori diversi, grazie anche al fatto che la maggior parte dei modelli raggiunge fino ai 28 metri di altezza. La maggior parte delle piattaforme autocarrate, inoltre, possono essere guidate da chi possiede la patente B (quella per le automobili, per intenderci).

Le aziende puntano sulla formula del noleggio

Il ricorso diffuso delle aziende alle piattaforme aeree le rendono un oggetto molto conteso dal mercato. Ecco perché sempre più imprese scelgono la formula del noleggio e di affidarsi a professionisti: per molti privati il costo d’acquisto può essere eccessivo, ma soprattutto il noleggio permette di risparmiare quelle spese come la manutenzione, l’assicurazione, il bollo, la gestione di eventuali sinistri.

Oggi a Genova, grazie a Giffi Noleggi, azienda diventata leader nel noleggio generalista in Italia, è possibile noleggiare piattaforme aree – anche direttamente online – con una grande possibilità di scelta. Gli operatori di Giffi Noleggi guidano il cliente in tutto il processo e l’offerta riguarda mezzi sempre nuovi, perché rinnovati di continuo. 

Giffi permette di noleggiare la nuova piattaforma aerea 28 metri autocarrata, la quale può essere guidata da tutti i possessori di patente B (non c’è quindi bisogno di un operatore specializzato), il cui nuovo telaio è all’avanguardia per duttilità e tecnologia.

Il cestello può sopportare un peso di 300 kg e il braccio raggiungere fino ai 28 metri di altezza e lateralmente di 14,5 metri: questo è possibile grazie una riduzione dei pesi – attraverso l’utilizzo di materiali speciali – il disegno dell’area di appoggio, che forma un quadrilatero.

Grazie al motore da 2488cc del Nissan Cabstar NT400 a iniezione diretta, i consumi sono ridotti al minimo e il mezzo riesce ad affrontare qualsiasi tipo di terreno. Inoltre la cabina del mezzo è molto spaziosa, consentendo a chi manovra di avere un’ampia visuale della strada e facilità di moviemento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piattaforme autocarrate: a cosa servono e perché conviene noleggiarle

GenovaToday è in caricamento