rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Costume e società

Guida Michelin 2023, una new entry genovese: la Trattoria Rosmarino

"Complimenti a chef Alessandro Massone, Felice Zingarelli e a tutto il loro team per questo traguardo eccezionale, ottenuto grazie ai classici della tradizione ligure che porta ogni giorno in tavola e fa conoscere a tanti turisti. W i sapori e le eccellenze della Liguria” scrive il presidente Toti

Un altro ristorante genovese si guadagna il suo posto nel piccolo libro rosso dedicato alla gastronomia. È la Trattoria Rosmarino in salita del Fondaco 30, quella che in estate e primavera rallegra piazza de Ferrari con i suoi tavolini all’aperto a pochi passi dalla fontana. Cucina ligure rielaborata in maniera creativa, tradizione e modernità, gusto semplice e al tempo stesso ricercato. Queste caratteristiche hanno convinto i curatori della Guida Michelin, che hanno deciso di inserire Rosmarino nell’edizione online del 2023 e nell’edizione cartacea del 2024.

Scorrendo la guida, giunti alla voce “Rosmarino”, si legge: “A pochi metri da piazza De Ferrari, tavoli all'aperto e una piacevole ed informale atmosfera nelle tre sale interne. Ecco il Rosmarino, dove su tutto trionfa la qualità della cucina: un'intelligente proposta di classici liguri, sia di carne che di pesce, sorretta da ottimi ingredienti. Imperdibile il baccalà "brandacujun", ma anche i raviolini di borragine al tocco e la trippa alla "sbira".

“Un altro prezioso riconoscimento alla ristorazione ligure - scrive il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in un post -. La Trattoria Rosmarino, nel cuore del centro storico genovese, è stata inserita nella Guida Michelin 2023 online e in quella cartacea del 2024. Complimenti a chef Alessandro Massone, Felice Zingarelli e a tutto il loro team per questo traguardo eccezionale, ottenuto grazie ai classici della tradizione ligure che porta ogni giorno in tavola e fa conoscere a tanti turisti. W i sapori e le eccellenze della Liguria”. 

Alle parole di Toti i gestori del locale hanno risposto: “È un riconoscimento che condividiamo con immenso piacere con i nostri ragazzi, con tutti i nostri fornitori, che il più delle volte sono piccoli artigiani liguri che fanno il loro lavoro con passione e soprattutto con tanti amici, clienti e i tantissimi turisti arrivati per assaporare la cucina ligure. Questo non è un punto di arrivo ma un nuovo inizio e nel nostro piccolo cercheremo di far conoscere meglio la nostra amata Liguria”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guida Michelin 2023, una new entry genovese: la Trattoria Rosmarino

GenovaToday è in caricamento