rotate-mobile
Costume e società

"The Genoeser": le copertine della rivista immaginaria dove i giovani illustratori raccontano la città

“Una città, una rivista immaginaria, due illustrazioni al mese per raccontarne bellezze e contraddizioni”

Un progetto di cui vale la pena parlare è The Genoeser, nato dalla passione di una squadra tutta al femminile formata da Francesca Sperti, art director e visual designer, Corinna Trucco, storica dell’arte contemporanea e redattrice/copywriter, Barbara Gasperini, producer di eventi culturali, e Sara De Martino, amministrativa e social media manager. Dopo aver scoperto il progetto The Milaneser, fondato dallo studio di comunicazione Zetalab, le ideatrici hanno pensato di portarlo anche a Genova, andando a ricercare creatività e immaginazione in giovani artisti che Genova l'hanno vissuta, la vivono o l'hanno semplicemente incontrata sui loro passi. 

“Una città, una rivista immaginaria, due illustrazioni al mese per raccontarne bellezze e contraddizioni” recitano il loro sito e le pagine social, dove si alternano tra loro copertine originali di una rivista che non c’è. Tra i soggetti dei disegni vediamo il mare e i palazzi di Genova, riconosciamo Melina Riccio e il gattone Seppia di Boccadasse, il viadotto San Giorgio, la rossa funicolare del Righi e un bicchiere di asinello con tanto di scorza di limone, oltre a una rivisitazione di Cristoforo Colombo e del Giano Bifronte. C’è anche l’ironica illustrazione che raffigura la vetrina di una focacceria, nella copertina numero 03 della rivista “uscita” il 24 marzo 2022, con un cartello che dice “No gh’èa assæ palanche pe-a covertinn-a” (“Non c’era abbastanza budget per la copertina”), tradotto sia in italiano che in arabo. 

Si tratta di “Una finestra sulle storie di chi la città di Genova la vive ogni giorno, di chi l’ha lasciata mai dimenticata, di chi seppur di passaggio ha potuto viverla in tutte le sue sfaccettature”. Tanti immaginari che con occhi diversi hanno visto le stesse cose e vogliono raccontarle a modo loro. 

L’autore dell’illustrazione della focacceria, Stefano Tirasso, scrive: “Le teglie di baklava vicino a quelle della focaccia con le olive. Le cataste di pane e focaccia che arrivano fino al soffitto. I panettieri arcigni. La multiculturalità, i cartelli tradotti talvolta in arabo, talvolta in spagnolo, talvolta in dialetto. E, naturalmente, un po' di mugugno. Questa, per me, è Genova. Questi, per me, sono l? 'Genoeser'”.

Matilde Martinelli, autrice dell’illustrazione che rappresenta la funicolare, copertina della rivista immaginaria del 7 aprile 2022, dice: “Genova è una città carica di suggestioni e di caratteristiche estetiche svariate e interessanti. Malgrado abbia vissuto molto intensamente la zona dei vicoli del centro storico, ho scelto un soggetto di più ampio respiro, nel vero senso della parola. La funicolare è il mezzo con cui si accede ad un’altra dimensione della città, forse sconosciuta a chi viene da fuori, ma familiare all? genovesi di antiche generazioni: la Genova alta, dell’aria, dove il ritmo si fa più tranquillo e cadenzato, dove si incontra il verde e ci si prende una pausa ad alta quota”.

Il progetto è nato dall’idea di fare un omaggio alla storica rivista The New Yorker e alle sue celebri copertine, ispirandosi alla recente esperienza di The Milaneser e inserendosi nel network iniziato con il progetto pilota The Parisianer, con l’obiettivo di accendere un riflettore sull’illustrazione e le arti visive nel capoluogo ligure. Esistono ormai le riviste immaginarie di The Barcelonian, The Brusseler, The Madrilener, The Milaneser, Le Montréaler, The Palermitaner, The Parisianer, The Shanghairen, The Tokyoiter, The Turineser, The Venezianer e molti altri.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"The Genoeser": le copertine della rivista immaginaria dove i giovani illustratori raccontano la città

GenovaToday è in caricamento