menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cirulla, origine del nome di uno dei giochi più amati dai genovesi

La cirulla in dialetto si chiama anche "cirolla", "ciammachinze" o "ciapachinze"

Non c'è un genovese che non sappia giocare a cirulla. O, almeno, che non ne abbia sentito parlare almeno una volta.

Ma in cosa consiste, qual è la storia e quali sono le regole di questo gioco di carte?

La cirulla, che in dialetto si chiama anche "cirolla", "ciammachinze" o "ciapachinze", è una variante della scopa, e si contraddistingue per la vivacità e il ritmo delle partite e per i "ribaltoni" nei punteggi, ma anche per il notevole peso del fattore fortuna, che riduce il divario tra giocatori esperti e principianti.

Ma cosa significa il nome del gioco? Facile intuire "ciammachinze" e "ciapachinze", che significano rispettivamente "chiama 15" e "acchiappa 15", perché le carte esposte sul tavolo si possono prendere con una carta del proprio mazzo a patto che il valore totale ammonti a 15 (si può prendere anche quando il valore della carta calata è uguale a quello di una carta sul tavolo, o quando si cala un Asso e allora si possono raccogliere tutte le carte).

Il nome cirulla/cirolla invece - secondo il professor Fiorenzo Toso, autore di "Piccolo dizionario etimologico ligure" - potrebbe essere collegato alla parola spagnola "chirola", ovvero "dischetto", che specie in America Latina indica le monete, ovvero la posta in gioco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento