rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Costume e società

Storia del Confeugo, l'antico rito natalizio di Genova

Cos'è l'amatissimo Confeugo, e da dove arriva questa usanza?

Ogni anno a Genova, a dicembre, si tiene la caratteristica cerimonia del Confeugo (o, per dirla in italiano, Confuoco) con gli auguri tra le massime autorità cittadine, i "mugugni" e le richieste per l'anno nuovo, e il tradizionale falò con l'albero di alloro: a seconda della fumata, poi, in teoria è possibile dire se l'anno in arrivo sarà proficuo o funesto.

Ma qual è la storia del Confeugo? Questo rito - come spiega il Comune di Genova - riprende un’antica tradizione della Repubblica di Genova, documentata dal secolo XIV, ma probabilmente più antica, risalendo presumibilmente al Medioevo, forse all’epoca del Comune del Popolo (XII secolo). Essa consisteva infatti nell’omaggio da parte dell’Abate, che rappresentava il Popolo, alle massime Autorità di un grosso tronco di alloro, ricoperto di rami. Ne furono destinatari nel corso del tempo, prima il Podestà, poi il Capitano del Popolo e infine il Doge.

Esistono testimonianze del fatto che il corteo partisse dalla Valle del Bisagno e attraverso il Ponte di Sant’Agata percorresse le attuali via San Vincenzo, Via Porta d’Archi, vico Dritto Ponticello, Porta Sant’Andrea fino ad arrivare al Palazzo del Governo, l’attuale Palazzo Ducale.

Davanti al Ducale l’Abate si rivolgeva al Doge pronunciando le seguenti frasi: “Ben trovòu messê ro Duxe” e il Doge rispondeva “Ben vegnûo messê l’Abbòu”.

In tarda serata il Doge e il suo seguito appiccavano fuoco all’alloro, per buon auspicio, e vi gettavano sopra un vaso di vino e lo addolcivano con confetti e zucchero. I presenti cercavano di portare a casa un tizzone come amuleto.

La Cerimonia venne sospesa nel Settecento e ripresa nel 1923 dall’associazione A Compagna, associazione nata in quell’anno per la tutela e la conservazione della cultura e delle tradizioni genovesi, per esser nuovamente interrotta nel 1937. Da allora è il presidente della Compagna che impersona l’Abate del Popolo, portando il tradizionale tronco d’alloro al Sindaco. Dal 1951 la Cerimonia è continuata di anno in anno sempre con l'offerta di una pianta di alloro, adorna dei colori rosso e bianco, completata con il falò rituale di un fascio di alloro ed uno scambio di auguri contornato da commenti sugli avvenimenti dell’anno trascorso e impegni e richieste per l’anno a venire.

Scopri le ultime notizie da Genova e dintorni

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storia del Confeugo, l'antico rito natalizio di Genova

GenovaToday è in caricamento