Curiosità: la strana scultura della "testa del boia" in via del Molo

Per alcuni rappresenta il boia, per altri le teste mozzate. Per altri invece è semplicemente il dio Giano, uno dei protettori della città

Chi passa per la Sopraelevata tutti i giorni può notare un particolare alquanto bizzarro: all'ultimo piano di una casa in via del Molo (quella che da piazza Cavour conduce al Porto Antico, per rendere l'idea), poco prima che inizi il tetto, in un angolo è scolpito un viso nella pietra.

Una curiosità inquietante: la facciata non riporta altre decorazioni particolari, dunque a chi appartiene quel volto?

Non c'è una spiegazione certa, ma si dice che la scultura sia collegata alle esecuzioni capitali che in antichità avvenivano proprio sul molo: potrebbe dunque essere la testa del boia, o anche - per lanciare un messaggio più macabro ai delinquenti - la rappresentazione delle teste tagliate. Insomma, un modo come un altro per dire "comportatevi bene, altrimenti questo è quel che vi aspetta". D'altronde a Genova in antichità pare che si ricorresse spesso a questi mezzi per scoraggiare i malviventi: leggende narrano che a Porta Soprana venissero appese addirittura le teste di ladri e assassini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per altri, invece, nulla c'entrerebbe con la morte: sarebbe semplicemente la testa di Giano, uno degli dei romani protettori di Genova da cui - secondo alcune teorie - arriverebbe addirittura il nome della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Genovese di 98 anni trova un BFP da 100mila euro durante il lockdown: parte dei soldi alla ricerca

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Coronavirus al San Martino, un'infermiera e un paziente positivi

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Coronavirus: aumento di casi nel centro storico di Genova, ma nessun cluster

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento