rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021

VIDEO | "Sciàcca e gîa", la canzone di Carlo Denei, al Campionato del Pesto 2021

La canzone ha per titolo “Sciàcca e gîa”, ossia il gesto che si fa con il pestello quando si schiaccia il basilico nel mortaio insieme ai suoi ingredienti

In occasione del Campionato del Mondo di Pesto 2021 che si svolgerà sabato 20 marzo, campionato purtroppo virtuale per via dell’emergenza covid, due artisti genovesi hanno scritto musica e parole di una canzone d’amore dedicata al pesto. Si tratta di Davide De Muro, chitarrista dei Trilli e Carlo Denei, comico, cantautore e autore televisivo.

La canzone ha per titolo “Sciàcca e gîa”, ossia il gesto che si fa con il pestello quando si schiaccia il basilico nel mortaio insieme ai suoi ingredienti (aglio, olio, formaggio, sale e pinoli). Il pezzo sta avendo un buonissimo riscontro a livello mediatico ed è l’ennesima dimostrazione di come gli artisti genovesi siano legati alle loro tradizioni e nello stesso tempo abbiamo voglia di tornare sulle scene.

Nella speranza di poter ascoltare al più presto la canzone dal vivo, magari in una piazza affollata o in un teatro con tanta gente, insomma, di uscire presto dall’incubo, ecco la canzone da ascoltare - perché no - a tavola davanti a un piatto di pasta al pesto.

Ecco il testo:

Drento n’arbanella tonda lì, serâ con l’euio sorvia
gh’è a mæ infanzia, o mæ sorîzo o mâ de Zena e tutto o resto
inn-a fòua ca sà de pesto
Gh’è in pò d’àggio, co-i pigneu gh’è i s-ciamàzzi di figgeu
gh’è mæ moæ serâ in cuxinn-a con o sô, ò che beixinn-a
bei ricòrdi de zoentu
Sciàcca sciàcca sciàcca
E sciàcca, sciàcca e gîa in to mortâ
finchè o profùmmo o sciòrte da questa cà
o pesto, carosezzo do Segnô
co-e tròfie, co-e trenette, ma che pru
E sciàcca, sciàcca e gîa in to mortâ
finchè o profùmmo o sciòrte da questa cà
o pesto, verde nûvia  delica
comme ‘na pivellètta da baxià
Sciàcca sciàcca sciàcca
Il pesto è voci bianche, è chiarezza ed è mistero il pesto è il canto libero del trallalero, è Pasqua,
capodanno e anche Natale il pesto è maggio, il pesto è carnevale. È pioggia, sole e rondini dal tuo
balcone è vocìo di gente del mio rione, è una regina che vorresti in sposa è la mia voglia di
tornare a casa. Il pesto è Genova, la sua essenza araba è Gesù che canta il Tiribi taraba
E sciàcca, sciàcca e gîa in to mortâ
finchè o profùmmo o sciòrte da questa cà
o pesto, da assaza tantu o l’è bon
savoî de tenpi antighi, e preboggion
E sciàcca, sciàcca e gîa in to mortâ
finchè o profùmmo o sciòrte da questa cà
ghe piaxe finna ae tre civette in sciu cummò
che u ségge benédetto u baxeicò
Sciàcca sciàcca sciàcca
In in te ‘na verde stìssa piccinétta, sci

gh’è a mûxica che mi vuriè sentî
Sciàcca sciàcca sciàcca
gh’è a mûxica che mi vuriè sentî
sciàcca gîa e sciàcca
Che u ségge benédetto… u baxeicò

Video popolari

VIDEO | "Sciàcca e gîa", la canzone di Carlo Denei, al Campionato del Pesto 2021

GenovaToday è in caricamento