menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La cattedrale di San Lorenzo e il "miracolo" della bomba inesplosa

Avete mai notato che - all'interno della chiesa - si trova un grande proiettile inesploso? Ecco la sua storia

Tra le storie che vedono protagonista la bellissima cattedrale di San Lorenzo, nel cuore del centro storico, c'è quella della bomba inesplosa. Chi conosce la chiesa, infatti, sa che al suo interno si cela un grande proiettile inesploso, esposto come un "monumento" in memoria degli orrori della guerra.

Il bombardamento degli inglesi

Qual è la sua storia? Bisogna tornare indietro, fino alla mattina del 9 febbraio 1941, quando iniziarono a suonare le sirene dell'allarme. Bombardamento in arrivo? In realtà non molti si allarmarono, poichè era l'ennesima volta che le sirene suonavano ma dopo non succedeva niente. In 44 casi circa su 47, si era trattato di un falso allarme.

Invece questa volta si faceva sul serio, e gli enormi proiettili inglesi che arrivavano dalla flotta britannica colpirono la città per più di mezz'ora: un vero incubo, con palazzi crollati, ospedali danneggiati, importanti monumenti storici distrutti per sempre, e centinaia di morti e feriti.

La cattedrale salva per "miracolo"

A salvarsi incredibilmente fu la cattedrale di San Lorenzo, a causa di un proiettile che sfondò il tetto ma che poi non esplose. Naturalmente, in tanti parlarono di miracolo. Oggi quel proiettile sembra esposto in chiesa, ma non fatevi ingannare dalle apparenze: ovviamente si tratta di una riproduzione.

In ogni caso, la copia è fedelissima all'originale, e di certo non rende meno importante il messaggio sugli orrori della guerra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento