Costume e società

Pancake Day: la festa di un dolce sempre più amato anche in Italia

Perché oggi è il Pancake Day? Quali sono gli ingredienti? Dove è diffuso nel mondo?

Il 16 febbraio è il Pancake Day, la festa di un dolce originario statunitense ma diffuso in tutto il mondo, sempre più conosciuto e amato anche in Italia, e anche in Liguria dove molti locali propongono questa dolce delizia. Non è una data a caso: soprattutto britannici e irlandesi mangiano pancake (anche se leggermente diversi da quelli americani) tradizionalmente durante il Martedì Grasso, il "Pancake Tuesday".

Quante volte abbiamo visto, nei film o nelle serie tv americani, i nostri personaggi preferiti alle prese con un'abbondante colazione a base di pancake, impilati uno sull'altro, abbondantemente "innaffiati" di sciroppo d'acero? Ma di cosa si tratta esattamente?

Sono preparazioni simili alle crêpe, ma più spesse, in genere dolci, accompagnate spesso da sciroppo d'acero, marmellate, crema alla nocciola o burro d'arachidi. Più raramente si mangiano salate, sempre nell'ambito della colazione, con uova e bacon.

Come si prepara un pancake tradizionale? Gli ingredienti principali sono burro, farina, latte, zucchero, lievito, un pizzico di sale e uova, ma poi ci sono davvero tantissime versioni con la cannella, il miele, o anche lo yogurt. Esistono anche le variazioni "dietetiche" per appositi regimi alimentari.

Ogni nazione in cui il pancake si è diffuso ha la sua ricetta: se questo dolce negli Stati Uniti è immancabile a colazione, in Gran Bretagna, Irlanda e Scozia è più piccolo e sottile, e viene servito come dessert a fine pasto. In Australia e Nuova Zelanda ci sono i "pikelet", nei Paesi Bassi i "pannenkoek", e in America Latina vengono chiamati "panqueque".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pancake Day: la festa di un dolce sempre più amato anche in Italia

GenovaToday è in caricamento