menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalle cose dimenticate ai passatempi: i musei più insoliti della Liguria

Ecco alcuni dei musei più originali e piccoli della nostra regione: dal clima al bosco, dai passatempi alle cose dimenticate, passando per la lavanda e... tanto altro

Sapevate che in Liguria c'è il museo delle cose dimenticate? E quello del passatempo? E ancora il museo del bosco di Rezzoaglio vicino alla suggestiva location del Lago delle Lame?

Oltre ai musei più conosciuti e grandi, la nostra regione conta un numero elevato di esposizioni più piccole ma originali, che parlano dei tempi passati ma anche di quelli presenti, della tecnologia, della natura, e tanto altro.

Andiamo a vedere alcuni dei musei più curiosi e meno conosciuti, aspettando di poter tornare a visitarli in tutta sicurezza:

Museo delle cose dimenticate (Valloria)

Le cose perdute, gli oggetti del vivere quotidiano del tempo che fu: le cose dimenticate appunto, perché oggi sostituite appunto da apparecchi elettrici, elettronici o dotati di motore a scoppio, sono protagoniste del piccolo museo di Valloria, nell'oratorio di Santa Croce.

Museo del Bosco (Rezzoaglio)

Il Museo del Bosco è un'esposizione permanente dedicata alle foreste del Parco, alla loro storia antica e recente, al loro futuro.
Il museo vuole avvicinare i cittadini alla straordinaria storia dei boschi della zona. La struttura unica nel suo genere vuole far sperimentare pratiche innovative di lavoro in bosco, recuperare attività e saperi del passato, e riscoprire un materiale, il legno, ecologico, rinnovabile e fonte di eccellenza anche in campo artistico e artigianale.

Museo del Clima (Casarza Ligure)

Il museo è collegato all'Osservatorio Meteogeologico Raffaelli, ed è aperto a tutti, da professionisti a ricercatori, insegnanti, studenti, semplici appassionati verso le materie scientifiche.

Museo della Lavanda (Carpasio)

Il Museo della Lavanda di Carpasio, primo in Italia, vuole raccontare la storia del paese e della coltivazione di lavanda che rappresentò per anni un'ottima fonte di reddito, tanto che i cittadini non si limitarono a raccogliere quella spontanea, ma sorsero vari appezzamenti di coltivazione.

Museo dell'Orologio da Torre (Tovo San Giacomo)

Il Museo dell’Orologio da Torre G.B. Bergallo prende il nome dalla famiglia Bergallo, dinastia di artigiani orologiai, che  costruì orologi da torre dal 1860 al 1980 nella propria casa-officina a Bardino nuovo, frazione di Tovo San Giacomo. La visita è un viaggio nel tempo, visto che il museo raccoglie meccanismi di orologi dai primi del ‘700 ai giorni nostri. 

Museo PassaTempo (Rossiglione)

Il Museo PassaTempo è un sorprendente viaggio nella memoria e nel costume. Un’ampia raccolta di moto, cicli e oggetti d’epoca funzionanti, ricostruisce la storia italiana del Novecento, in particolare del secondo dopoguerra. Si trova nella Casa-Museo e nella Sede Civica.

All about Apple (Savona)

Il museo All about Apple, nato l’11 maggio 2002, attualmente è il più fornito museo Apple del mondo contenente praticamente quasi tutta la produzione di personal computer, periferiche, accessori, prototipi Apple dagli albori del 1976 fino ai giorni nostri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Paura a Ronco Scrivia, esplode bombola di gpl

  • Coronavirus

    Coronavirus: 235 nuovi casi su 5.050 tamponi, incidenza in calo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento