Venerdì, 18 Giugno 2021
Costume e società

Dialetto curioso: cosa vuol dire "avéi e sètte belésse"

Tutto nasce da una filastrocca genovese molto popolare che parla delle "sette bellezze"

C'è un vecchio modo di dire genovese riferito a chi è particolarmente bello. Quando una persona è di bell'aspetto infatti si dice che ha "e sètte belésse", cioè le sette bellezze.

Ma cosa vuol dire? E quali sono queste sette bellezze?

Tutto nasce da una filastrocca genovese molto popolare (presente a dire la verità anche in altri dialetti) che parla delle "sette bellezze".

Sètte belésse a dev'avéi 'na figgia
primma che bèlla a se pòsse ciamà.
Erta da tera sénsa 'na sciarbella
gianca e reuza sénsa fase bèlla;
a dev'avéi 'na bèlla andatua,
làrga de spàlle e stréita de çentua;
a dev'avéi doi éuggi néigri in tésta
e into parlà a dev'ese modèsta;
a dev'avéi a-a fin de bionde trésse
sta chi a l'è a donna da-e sètte belésse

Dunque quali bellezze deve avere una ragazza secondo questa antica filastrocca? Alta, colorita "senza farsi bella", dalla bella andatura, larga di spalle e dalla vita stretta, con gli occhi neri, modesta nel parlare, e con le trecce bionde.

Naturalmente, al di là delle filastrocche in dialetto tramandate di padre in figlio, non serve rispettare rigidamente questi vecchi canoni per avere "e sètte belésse": per averle, significa essere semplicemente di bell'aspetto, almeno agli occhi di chi guarda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dialetto curioso: cosa vuol dire "avéi e sètte belésse"

GenovaToday è in caricamento