Domenica, 19 Settembre 2021
Costume e società

Masterchef 10, il pensiero della Liguria commuove l'"uomo di ghiaccio" Antonio

«La prova sul lago d'Iseo - ha detto davanti alle telecamere, asciugandosi le lacrime - mi ha ricordato la Liguria, dove vado a pescare con mio papà»

Nella cucina di Masterchef 10 una delle figure che stanno emergendo senz'altro per la grande capacità tecnica è Antonio Colasanto. 

Antonio, 26 anni, di Novara, si è laureato in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche con il massimo dei voti e ha deciso in seguito di intraprendere un percorso di dottorando occupandosi di chimica degli alimenti. Tra le sue passioni, la cucina (ovviamente) e la pesca, che gli ha trasmesso la curiosità di imparare a trattare la materia prima.

Ma c'è anche dell'altro: Antonio è stato soprannominato dai giudici "l'uomo di ghiaccio" perché è sempre imperturbabile. Preciso, pericoloso per gli altri concorrenti, difficilmente sbaglia un colpo, ma è anche difficile strappargli una risata o una lacrima.

La corazza di "ghiaccio" però si è incrinata durante la puntata andata in onda giovedì 4 febbraio, la prova in esterna ambientata sul lago d'Iseo. Antonio ha fatto un ottimo lavoro con il pesce, e forse per la prima volta si è commosso davanti ai complimenti degli chef, tirando fuori un ricordo personale e asciugandosi le lacrime: «Questa prova - ha detto davanti alle telecamere, in preda alla nostalgia - mi ha ricordato la Liguria, dove vado a pescare con mio papà».

La sua reazione non è passata inosservata ai giudici che la hanno accolta positivamente: «Ci hai messo il cuore e si è visto» gli ha risposto Antonino Cannavacciuolo, incoraggiandolo a integrare sempre la tecnica con le emozioni, mentre anche Giorgio Locatelli ha mostrato segni di commozione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Masterchef 10, il pensiero della Liguria commuove l'"uomo di ghiaccio" Antonio

GenovaToday è in caricamento