rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Costume e società

Luca e Paolo e la reazione di Bucci all'arresto di Toti: "Un uomo a cui non sfugge nulla"

La satira dei due comici genovesi per la copertina di "Di Martedì" su La 7

Dopo Crozza, anche Luca e Paolo. L'argomento dell'inchiesta corruzione in Liguria è senza dubbio uno dei più scottanti a livello nazionale da più di una settimana e non poteva non finire nel mirino della satira, specialmente di comici genovesi. Ci aveva già pensato venerdì sera Maurizio Crozza in "Fratelli di Crozza" sul Nove, mentre martedì è stata la volta di Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, per la copertina di "Di Martedì", il programma di approfondimento su La 7 condotto da Giovanni Floris.

"Per la gente gli indagati sono già tutti condannati - hanno detto i due comici - e di fronte a questa sentenza popolare la reazione del presidente Meloni è stata fulminea (scherzando sul silenzio della premier fino a ieri, ndr)".

Ma in compenso "c'è un uomo a cui non sfugge nulla - continuano - un uomo che appena è successo il fattaccio si è presentato dai giornalisti preparatissimo e pronto a rispondere a ogni attacco. E noi ne siamo fieri perché lui è il nostro sindaco, Marco Bucci che ha affrontato la bufera di prima mattina". A seguire, il video diventato virale in cui il sindaco, la mattina dell'arresto di Toti, incalzato dai giornalisti, si rivolge al vicesindaco Piciocchi chiedendo: "È un arresto?". 

E non è finita perché c'è anche la reazione immediatamente dopo, con le parole che Bucci ha poi ribadito anche in consiglio comunale: "Noi si va avanti come al solito, anzi, abbiamo ancora più energia per portare avanti le cose".

"Ma come 'anzi'? Cosa vuol dire che abbiamo ancora più energia? A noi genovesi gli arresti mettono di buon umore, una sferzata di energia" commentano Luca e Paolo. 

E comunque, vanno avanti i due comici, ancora una volta si sono create due squadre: i colpevolisti da una parte, e dall'altra "Guido Crosetto. Da solo. Nessuno ha preso le parti di Toti, solo lui" (ma, va detto, nelle scorse ore lo stesso Crosetto ha anche specificato che non difende Toti ma il principio, e che il presidente dovrà dare le dimissioni perché non si può governare la Regione agli arresti domiciliari).

Continua a leggere le notizie di GenovaToday, segui le nostre pagine Facebook e Instagram e iscriviti al nostro canale WhatsApp

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luca e Paolo e la reazione di Bucci all'arresto di Toti: "Un uomo a cui non sfugge nulla"

GenovaToday è in caricamento