Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

L'articolo del quotidiano britannico: tanto da fare per gli amanti di arte e cultura, vita notturna, gastronomia, e shopping

La tendenza è sempre la stessa: se si deve visitare l'Italia del nord, i turisti generalmente preferiscono Torino, Milano o Bologna, anziché Genova. Eppure non si può sottovalutare la città natale di Cristoforo Colombo, della focaccia e dei blue jeans: a dirlo è nientemeno che il quotidiano britannico Guardian con un articolo di Kit Macdonald che parla di tutto il bello della Superba.

Macdonald, ospite di "Visit Genoa", parla innanzitutto della forma "allungata" della città, compressa tra il mare e i monti, ricca di saliscendi, con funicolari e ascensori, è già di per sé una peculiarità: e poi la varietà dei paesaggi, da Nervi al Porto Antico, passando per il centro storico con i caruggi che ricordano tanto agli stranieri sia i vicoli di Napoli sia il Barrio Gotico di Barcellona.

Ma passiamo al reparto enogastronomico: la visita del giornalista coincideva con il periodo di Slow Fish per cui ha potuto gustare ottimi piatti a base di pesce fresco, ma l'autore dell'articolo ha segnalato anche tanti altri posti in cui vale la pena andare, tra osterie e trattorie (da Sa Pesta all'Osteria di Vico Palla, da I Cuochi a Rosmarino, da Le Rune a Tazze Pazze). E poi come non assaggiare il gelato al basilico?

C'è tanto da fare anche per gli amanti di arte e cultura, tra i musei di Strada Nuova e i palazzi dei Rolli, la Galleria di Arte Moderna, Palazzo Spinola, Staglieno, il museo di arte orientale Edoardo Chiossone, il Suq e poi, a luglio, il Nervi International Festival.

E chi ama la vita notturna? Può rifocillarsi con un bicchiere di vino a La Lepre, alle Cantine Matteotti, Les Rouges, o ascoltare musica dal vivo o partecipare agli eventi di tanti locali, molti dei quali in corso Italia o, per gli amanti del karaoke, in piazza Tommaseo.

Per quanto riguarda lo shopping, poi, si va dal centro ai caruggi, con l'imbarazzo della scelta. A colpire il giornalista britannico, in particolare, l'Antica Farmacia Sant'Anna tra erbe, pomate e infusi creati dai frati del monastero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, Genova si riconferma ancora una volta una città spesso sottovalutata ma che offre - a chi la sceglie - tutto il bello tra storia, tradizione e modernità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento