Venerdì, 17 Settembre 2021
Costume e società

Famiglie e infanzia a un anno dalla pandemia: anche a Genova arriva il questionario

L'obiettivo è portare al centro della discussione pubblica il benessere delle famiglie, la loro voce, l'importanza dell'infanzia e delle città a misura di bambini

Un questionario per i genitori dopo un anno di pandemia, per fare il punto su famiglie e infanzia: a lanciare il progetto è la rete educativa "Ip Ip Urrà - Metodi e strategie informali per mettere l'Infanzia Prima", finanziata dall’impresa sociale "Con i bambini" nell’ambito del Fondo di contrasto alla povertà educativa minorile.

Il progetto è presente su territorio nazionale con 23 partner e la referente genovese è la Cooperativa Sociale Mignanego, che dunque rivolge l'appello anche ai genitori liguri.

Tra le domande che vengono poste, «Cosa vi manca e vi è mancato in questo periodo difficile di emergenza sanitaria? Quali le fatiche che dovete affrontare con i vostri bimbi? Che valore hanno lo spazio pubblico e la dimensione educativa in rapporto agli spazi naturali?». L'obiettivo è portare al centro della discussione pubblica il benessere delle famiglie, la loro voce, l'importanza dell'infanzia e delle città a misura di bambini.

«Grazie al progetto Ip Ip Urrà - spiegano gli organizzatori - vorremmo raccogliere la voce delle famiglie che abitano in territori anche distanti tra loro. In particolare vorremmo che ci raccontaste il vostro sentire rispetto a un tema fondamentale per il benessere di bambini, bambine e genitori: quello del diritto dei più piccoli di giocare all’aperto, di avere relazioni con altri bimbi e bimbe e di abitare gli spazi pubblici e naturali (piazze, parchi, giardini) del proprio territorio».

Il questionario anonimo è disponibile a questo link.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglie e infanzia a un anno dalla pandemia: anche a Genova arriva il questionario

GenovaToday è in caricamento